Tsgabu Grmay sul podio al campionato etiope a cronometro © Trek-Segafredo
Tsgabu Grmay sul podio al campionato etiope a cronometro © Trek-Segafredo

Campionati nazionali, giro del mondo con i risultati da Caucaso, Africa e Balcani

Anche fra ieri e oggi si sono disputate diverse prove valide come campionati nazionali in alcune nazioni sicuramente non di primo piano del panorama mondiale. Oggi, ad esempio, si è gareggiato in Azerbaigian nella prova a cronometro: sesto titolo nelle ultime sette annate per Elchin Asadov, che apre un podio tutto targato Synergy Baku sul quale salgono anche Elgun Alizada e Kanan Gahramanli.

Quinto titolo in sei anni invece per Tsgabu Grmay che ieri si è laureato campione nazionale a cronometro. In Etiopia, nei 40 km di Mekele, il corridore della Trek-Segafredo si è espresso in 48’25”, rifilando 2’19” a Redwan Ebrahim e 2’33” a Temesgen Buru, entrambi affiliati al Centre Mondiale du Cyclisme dell’UCI.

Domenica si sono tenute le prove in linea in tre paesi balcanici. In Croazia, a Vinkovci, vittoria per il diciottenne Viktor Potocki (Ljubljana Gusto Xaurum): dietro di lui Mateo Bratic e Lorenzo Marenzi, in una prova senza i corridori World Tour. Vincitore di qualità in Serbia: sui 131.2 km di Beranovac Dusan Rajovic, promettente sprinter della Adria Mobil, ha superato in una volata a due Marko Danilovic (Borac-Cacak). Completa il podio a 4’21” Dusan Kalaba (Centre Mondiale du Cyclisme).

In Macedonia doppio appuntamento fra sabato e domenica, in ambedue i casi con due rivali a sfidarsi. Ad entrambi i casi a primeggiare è stato Andrej Petrovski, ventiduenne che gareggia tra gli under 23 in Germania. Nella cronometro di 24 km ha superato di 34″ Nikola Lefkov e di 1’24” Georgi Popstefanov. Nella prova in linea, invece, Petrovski ha avuto la meglio su Lefkov in uno sprint a due al termine dei 120 km di gara: terzo posto a 5’52” per Daniel Jakovlovski.

Doppio titolo anche in Africa, precisamente alle Mauritius: la cronometro di 19.6 km a Curepipe ha premiato Christopher Lagane, che ha preceduto di 1’12” Yannick Lincoln e di 1’13” Grégory Lagane. Proprio quest’ultimo ha poi vinto la gara in linea di 130.5 km su Christopher Lagane e Yannick Lincoln.

Tanti i titoli messi in palio nei Caraibi. Dopo la prova a cronometro fa il bis anche in linea Elvis Reyes, che si laurea così campione di Porto Rico battendo in una volata a due Gian Martínez. Nelle Bermuda vittoria nella gara in linea per Dominique Mayho, ad Antigua e Barbuda è stata la volta di Jyme Bridges (mentre la crono era andata al cinquantenne Robert Marsh), in Belize del giovane Giovanni Lovell e in Guyana, nella crono, è toccato al favorito Raynauth Jeffrey alzare le braccia al cielo. Cronometro invece ad El Salvador, dove a esultare a Chalatenango è stato Giovanni Guevara, e in Guatemala: qui, nei 38.5 km di Puerto Quetzal, Manuel Rodas ha ottenuto il suo settimo titolo nazionale a crono di fila, l’ottavo in assoluto.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile