Il podio della seconda tappa del Giro del Friuli Venezia Giulia © Twitter - Andrea Noè
Il podio della seconda tappa del Giro del Friuli Venezia Giulia © Twitter - Andrea Noè

Giro del Friuli, sul Monte Matajur Rubio supera Pogacar e Ravanelli

Sotto una fastidiosa pioggia si è disputata la seconda frazione del Giro del Friuli Venezia Giulia, la più attesa, dato che da Udine si è raggiunto dopo 152.2 km il traguardo de Monte Matajur, nota e impegnativa salita posta sul confine con la Slovenia. In tre si sono giocati il successo sino all’ultimo metro e a prevalere è stato chi, del terzetto, è lo scalatore più puro.

Ad alzare le braccia al cielo è stato Einer Rubio: per il talentuoso colombiano del Vejus TMF è il terzo centro stagionale dopo la tappa del Giro d’Italia Under 23 di Dimaro Folgarida e l’assolo nel GP di Capodarco. Il ventenne ha superato il coetaneo Tadej Pogacar (Ljubljana Gusto Xaurum) e il più esperto Simone Ravanelli (Biesse Carrera Gavardo).

Buona quarta piazza a 20″ per Davide Botta (Team Colpack), con Andrea Garosio (D’Amico Utensilnord) giunto assieme a lui. Seguono Aldo Caiati (Zalf Euromobil Désirée Fior) a 23″, il russo Dmitry Sokolov (Lokosphinx) a 28″, Adriano Amici (Biesse Carrera Gavardo) a 36″, l’austriaco Benjamin Brkic (Tirol Cycling Team) a 40″ e Simone Zandomeneghi (Iseo Serrature Rime) a 50″.

Grazie a questo risultato e alla sua presenza nella maxi fuga di ieri, lo sloveno Tadej Pogacar balza in vetta alla generale: il prossimo acquisto della UAE Team Emirates vanta 25″ su Sokolov, 1’44” su Andrea Di Renzo (VPM Porto Sant’Elpidio) e 3’27” su Rubio e Ravanelli.

Il recente vincitore del Tour de l’Avenir ha chiaramente messo un’ipoteca forse definitiva sul successo finale, dato che da disputare rimane solamente la Lignano Sabbiadoro-Gorizia di domani, lunga 157.5 km e che, nonostante tre giri di un circuito finale caratterizzati dalla salita di San Floriano, non dovrebbe rappresentare un ostacolo per l’ennesima sua vittoria.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile