Giro d’Italia 2019

[restabs alignment=”osc-tabs-center” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”Presentazione” active=”active”]Manca meno di un mese al via del Giro d’Italia; non sarà semplice dimenticare le emozioni della passata edizione, con la già leggendaria cavalcata di Chris Froome nella terzultima tappa che gli permise di ribaltare l’esito della gara. Per il britannico la vittoria storica gli permise di entrare ancor più nella storia, diventando membro del ristretto club dei vincitori di tutti i grandi giri.

Centrato l’obiettivo, il britannico non difenderà il titolo. Per il terzo anno dà l’assalto alla maglia rosa Tom Dumoulin che, dopo l’eccellente 2018, punta senza mezzi termini a conquistare di nuovo il Trofeo Senza Fine. L’altro ex vincitore che arriva pieno di speranze nell’allungare la sua splendida bacheca è Vincenzo Nibali: il messinese, complice il forfait di Aru, sarà l’unica carta da giocare per il Belpaese, ancora alle prese con il mancato ricambio generazionale nelle corse a tappe. Dopo il podio, con tanto di maglia bianca, della passata edizione Miguel Ángel López arriva desideroso di migliorare ancora il piazzamento, forte di una squadra che si preannuncia di massima qualità. Pesante assenza, invece, quella di Egan Bernal, fuori per la frattura della clavicola.

Il corridore più forte nelle brevi corse a tappe dell’ultimo periodo è Primoz Roglic: lo sloveno, ora, vuole prendersi il trono anche nei grandi giri forte delle sue capacità su tutti i terreni. Un anno fa è stato il dominatore del Giro fino alla terzultima tappa; da lì, il crollo. Simon Yates ha tutta l’intenzione di prendersi la rivincita e continuare il dominio britannico sulla Corsa Rosa; a dargli una mano una squadra che, in salita, promette scintille, compreso il ritrovato Esteban Chaves.

La lista non si ferma certo qui. Dopo una stagione di assenza, Mikel Landa torna nella corsa che predilige e vuole cogliere il secondo podio della sua esperienza al Giro; al suo fianco non ci sarà l’infortunato Valverde ma comunque il più che valido Richard Carapaz. Altri corridori che ambiscono alle posizioni nobili della graduatoria vi sono Bob Jungels e Ilnur Zakarin, Rafal Majka e Tanel KangertBauke Mollema e Alexis Vuillermoz, Pavel Sivakov e Tao Geoghegan HartBen O’Connor e Amaro Antunes, senza dimenticare le possibili sorprese che sono sempre possibili.

Capitolo velocisti, per il secondo anno consecutivo il nome più atteso è quello di Elia Viviani. Per il veronese, però, stavolta la concorrenza è decisamente più complicata rispetto al 2018: sono in quattro, infatti, i probabili rivali di lusso per il campione italiano. Caleb Ewan e Fernando Gaviria hanno un passato di successi al Giro mentre il debuttante Pascal Ackermann e Arnaud Démare vogliono centrare la prima affermazione nella Corsa Rosa. Altri contendenti per gli sprint saranno Manuel Belletti, Davide Cimolai, Marco HallerJuan José Lobato, Jakub MareczkoSacha Modolo, Matteo Moschetti e Giacomo Nizzolo.

A questo Giro d’Italia è forse non eccellente la lista di classicomani o nomi a caccia di successi parziali. L’attenzione va sicuramente su Thomas De Gendt, che non lesinerà certo tentativi da lontano. Tra gli altri meritano una menzione Victor CampenaertsTony Gallopin, Valentin Madouas e Jelle Vanendert. Nutrita, da questo punto di vista, la pattuglia italiana con Enrico BattaglinMarco Canola, Giulio CicconeDavide Formolo, Enrico Gasparotto, Francesco GavazziGianni Moscon e Diego Ulissi.[/restab] [restab title=”Startlist”]

Movistar Team
1 LANDA Mikel
2 AMADOR Andrey
3 CARAPAZ Richard
4 CARRETERO Héctor
5 MAS Lluís
6 PEDRERO Antonio
7 ROJAS José Joaquín
8 SÜTTERLIN Jasha
AG2R La Mondiale
11 GALLOPIN Tony (DNF 16)
12 BIDARD François
13 DENZ Nico
14 DUPONT Hubert
15 GASTAUER Ben
16 PETERS Nans
17 WARBASSE Lawrence
18 VUILLERMOZ Alexis
Androni Giocattoli - Sidermec
21 GAVAZZI Francesco
22 BELLETTI Manuel
23 CATTANEO Mattia
24 FLOREZ Miguel Eduardo
25 FRAPPORTI Marco
26 MASNADA Fausto
27 MONTAGUTI Matteo
28 VENDRAME Andrea
Astana Pro Team
31 LOPEZ Miguel Ángel
32 BILBAO Pello
33 BOARO Manuele
34 CATALDO Dario
35 HIRT Jan
36 IZAGUIRRE Ion
37 VILLELLA Davide
38 ZEITS Andrey
Bahrain - Merida
41 NIBALI Vincenzo
42 AGNOLI Valerio
43 BOLE Grega
44 CARUSO Damiano
45 GAROSIO Andrea
46 KOREN Kristijan (DNS 5)
47 NIBALI Antonio
48 POZZOVIVO Domenico
Bardiani - CSF
51 BARBIN Enrico (DNF 14)
52 CARBONI Giovanni
53 COVILI Luca
54 MAESTRI Mirco
55 ORSINI Umberto (DNS 9)
56 ROTA Lorenzo
57 SENNI Manuel
58 SIMION Paolo
Bora - Hansgrohe
61 MAJKA Rafal
62 ACKERMANN Pascal
63 BENEDETTI Cesare
64 FORMOLO Davide
65 MC CARTHY Jay
66 POLJANSKI Pawel
67 SCHWARZMANN Michael
68 SELIG Rüdiger
CCC Team
71 ANTUNES Amaro
72 CERNÝ Josef
73 DE LA PARTE Victor
74 GRADEK Kamil
75 MARECZKO Jakub (FTM 12)
76 OWSIAN Lukasz
77 TEN DAM Laurens (DNF 6)
78 VENTOSO Francisco
Deceuninck - QuickStep
81 VIVIANI Elia (DNS 12)
82 CAPECCHI Eros
83 HONORÉ Mikkel Frølich
84 JUNGELS Bob
85 KNOX James (DNS 13)
86 SABATINI Fabio
87 SENECHAL Florian (DNF 20)
88 SERRY Pieter
EF Education First
91 MODOLO Sacha (DNF 7)
92 BENNETT Sean
93 BRESCHEL Matti (DNF 4)
94 BROWN Nathan
95 CAICEDO Jonathan
96 CARTHY Hugh
97 DOMBROWSKI Joe
98 KANGERT Tanel
Groupama - FDJ
101 DEMARE Arnaud
102 GUARNIERI Jacopo
103 KONOVALOVAS Ignatas (DNF 13)
104 LE GAC Olivier
105 LUDVIGSSON Tobias
106 MADOUAS Valentin
107 SCOTSON Miles
109 SINKELDAM Ramon
Israel Cycling Academy
111 CIMOLAI Davide
112 ANDEMESKEL Awet
113 BOIVIN Guillaume
114 DUNNE Conor
115 NEILANDS Krists
116 PLAZA Ruben
117 NIV Guy
118 SBARAGLI Kristian
Lotto Soudal
121 EWAN Caleb (DNS 12)
122 CAMPENAERTS Victor
123 DE BUYST Jasper (DNF 15)
124 DE GENDT Thomas
125 HANSEN Adam
126 KLUGE Roger (DNS 13)
127 VANENDERT Jelle (DNF 5)
128 VAN DER SANDE Tosh
Mitchelton - Scott
131 YATES Simon
132 BAUER Jack
133 BOOKWALTER Brent (DNS 16)
134 CHAVES Esteban
135 DURBRIDGE Luke
136 HAMILTON Lucas
137 JUUL JENSEN Christopher
138 NIEVE Mikel
Nippo - Vini Fantini - Faizanè
141 CANOLA Marco
142 CIMA Damiano
143 BAGIOLI Nicola (DNF 16)
144 LOBATO Juan José
145 LONARDI Giovanni (DNF 13)
146 NISHIMURA Hiroki (FTM 1)
147 HATSUYAMA Sho
148 SANTAROMITA Ivan
Team Dimension Data
151 O'CONNOR Ben
152 DAVIES Scott
153 GASPAROTTO Enrico
154 GEBREIGZABHIER Amanuel
155 GIBBONS Ryan
156 NIZZOLO Giacomo (DNS 13)
157 RENSHAW Mark (DNF 13)
158 WYSS Danilo
Team Ineos
161 SIVAKOV Pavel
162 DUNBAR Edward
163 GEOGHEGAN HART Tao (DNF 13)
164 HENAO Sebastian
165 KNEES Christian
166 NARVAEZ Jhonatan
167 PUCCIO Salvatore
168 SOSA Ivan Ramiro
Team Jumbo - Visma
171 ROGLIC Primoz
172 BOUWMAN Koen
173 DE PLUS Laurens (DNF 7)
174 KUSS Sepp
175 LEEZER Thomas
176 MARTENS Paul
177 TOLHOEK Antwan
178 VAN EMDEN Jos
Team Katusha Alpecin
181 ZAKARIN Ilnur
182 BATTAGLIN Enrico
183 BIERMANS Jenthe
184 HALLER Marco
185 HOLLENSTEIN Reto
186 KUZNETSOV Viacheslav (DNF 17)
187 NAVARRO Daniel (DNF 4)
188 STRAKHOV Dmitrii
Team Sunweb
191 DUMOULIN Tom (DNF 5)
192 BAKELANTS Jan
193 HAGA Chad
194 HAMILTON Christopher
195 HINDLEY Jai
196 OOMEN Sam (DNF 14)
197 POWER Robert (DNF 6)
198 VERVAEKE Louis (DNF 13)
Trek - Segafredo
201 MOLLEMA Bauke
202 BRAMBILLA Gianluca
203 CICCONE Giulio
204 CLARKE William
205 CONCI Nicola
206 GOGL Michael
207 IRIZAR Markel
208 MOSCHETTI Matteo (DNS 11)
UAE Team Emirates
211 GAVIRIA Fernando (DNF 7)
212 BOHLI Tom
213 CONSONNI Simone
214 CONTI Valerio (DNS 18)
215 MARCATO Marco
216 MOLANO Juan Sebastian (DNS 4)
217 POLANC Jan
218 ULISSI Diego
[/restab] [restab title=”Albo d’oro”]
2018Chris Froome (GBR)Tom Dumoulin (OLA)Miguel Ángel López (COL)
2017Tom Dumoulin (OLA)Nairo Quintana (COL)Vincenzo Nibali (ITA)
2016Vincenzo Nibali (ITA)Esteban Chaves (COL)Alejandro Valverde (SPA)
2015Alberto Contador (SPA)Fabio Aru (ITA)Mikel Landa (SPA)
2014Nairo Quintana (COL)Rigoberto Urán (COL)Fabio Aru (ITA)
2013Vincenzo Nibali (ITA)Rigoberto Urán (COL)Cadel Evans (AUS)
2012Ryder Hesjedal (CAN)Joaquim Rodríguez (SPA)Thomas De Gendt (BEL)
2011Michele Scarponi (ITA)Vincenzo Nibali (ITA)John Gadret (FRA)
2010Ivan Basso (ITA)David Arroyo (SPA)Vincenzo Nibali (ITA)
2009Denis Menchov (RUS)Carlos Sastre (SPA)Ivan Basso (ITA)
2008Alberto Contador (SPA)Riccardo Riccò (ITA)Marzio Bruseghin (ITA)
2007Danilo Di Luca (ITA)Andy Schleck (LUS)Eddy Mazzoleni (ITA)
2006Ivan Basso (ITA)José Enrique Gutiérrez (SPA)Gilberto Simoni (ITA)
2005Paolo Savoldelli (ITA)Gilberto Simoni (ITA)José Rujano (VEN)
2004Damiano Cunego (ITA)Serhij Honcar (UCR)Gilberto Simoni (ITA)
2003Gilberto Simoni (ITA)Stefano Garzelli (ITA)Jaroslav Popovyc (UCR)
2002Paolo Savoldelli (ITA)Tyler Hamilton (USA)Pietro Caucchioli (ITA)
2001Gilberto Simoni (ITA)Abraham Olano (SPA)Unai Osa (SPA)
2000Stefano Garzelli (ITA)Francesco Casagrande (ITA)Gilberto Simoni (ITA)
1999Ivan Gotti (ITA)Paolo Savoldelli (ITA)Gilberto Simoni (ITA)
1998Marco Pantani (ITA)Pavel Tonkov (RUS)Giuseppe Guerini (ITA)
1997Ivan Gotti (ITA)Pavel Tonkov (RUS)Giuseppe Guerini (ITA)
1996Pavel Tonkov (RUS)Enrico Zaina (ITA)Abraham Olano (SPA)
1995Tony Rominger (SVI)Evgenij Berzin (RUS)Pëtr Ugrumov (LET)
1994Evgenij Berzin (RUS)Marco Pantani (ITA)Miguel Indurain (SPA)
1993Miguel Indurain (SPA)Pëtr Ugrumov (LET)Claudio Chiappucci (ITA)
1992Miguel Indurain (SPA)Claudio Chiappucci (ITA)Franco Chioccioli (ITA)
1991Franco Chioccioli (ITA)Claudio Chiappucci (ITA)Massimiliano Lelli (ITA)
1990Gianni Bugno (ITA)Charly Mottet (FRA)Marco Giovannetti (ITA)
1989Laurent Fignon (FRA)Flavio Giupponi (ITA)Andrew Hampsten (USA)
1988Andrew Hampsten (USA)Erik Breukink (OLA)Urs Zimmermann (SVI)
1987Stephen Roche (IRL)Robert Millar (GBR)Erik Breukink (OLA)
1986Roberto Visentini (ITA)Giuseppe Saronni (ITA)Francesco Moser (ITA)
1985Bernard Hinault (FRA)Francesco Moser (ITA)Greg LeMond (USA)
1984Francesco Moser (ITA)Laurent Fignon (FRA)Moreno Argentin (ITA)
1983Giuseppe Saronni (ITA)Roberto Visentini (ITA)Alberto Fernández (SPA)
1982Bernard Hinault (FRA)Tommy Prim (SVE)Silvano Contini (ITA)
1981Giovanni Battaglin (ITA)Tommy Prim (SVE)Giuseppe Saronni (ITA)
1980Bernard Hinault (FRA)Wladimiro Panizza (ITA)Giovanni Battaglin (ITA)
1979Giuseppe Saronni (ITA)Francesco Moser (ITA)Bernt Johansson (SVE)
1978Johan De Muynck (BEL)Gianbattista Baronchelli (ITA)Francesco Moser (ITA)
1977Michel Pollentier (BEL)Francesco Moser (ITA)Gianbattista Baronchelli (ITA)
1976Felice Gimondi (ITA)Johan De Muynck (BEL)Fausto Bertoglio (ITA)
1975Fausto Bertoglio (ITA)Francisco Galdós (SPA)Felice Gimondi (ITA)
1974Eddy Merckx (BEL)Gianbattista Baronchelli (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1973Eddy Merckx (BEL)Felice Gimondi (ITA)Giovanni Battaglin (ITA)
1972Eddy Merckx (BEL)José Manuel Fuente (SPA)Francisco Galdós (SPA)
1971Gösta Pettersson (SVE)Herman Van Springel (BEL)Ugo Colombo (ITA)
1970Eddy Merckx (BEL)Felice Gimondi (ITA)Martin Van Den Bossche (BEL)
1969Felice Gimondi (ITA)Claudio Michelotto (ITA)Italo Zilioli (ITA)
1968Eddy Merckx (BEL)Vittorio Adorni (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1967Felice Gimondi (ITA)Franco Balmamion (ITA)Jacques Anquetil (FRA)
1966Gianni Motta (ITA)Italo Zilioli (ITA)Jacques Anquetil (FRA)
1965Vittorio Adorni (ITA)Italo Zilioli (ITA)Felice Gimondi (ITA)
1964Jacques Anquetil (FRA)Italo Zilioli (ITA)Guido De Rosso (ITA)
1963Franco Balmamion (ITA)Vittorio Adorni (ITA)Giorgio Zancanaro (ITA)
1962Franco Balmamion (ITA)Imerio Massignan (ITA)Nino Defilippis (ITA)
1961Arnaldo Pambianco (ITA)Jacques Anquetil (FRA)Antonio Suárez (SPA)
1960Jacques Anquetil (FRA)Gastone Nencini (ITA)Charly Gaul (LUS)
1959Charly Gaul (LUS)Jacques Anquetil (FRA)Diego Ronchini (ITA)
1958Ercole Baldini (ITA)Jean Brankart (BEL)Charly Gaul (LUS)
1957Gastone Nencini (ITA)Louison Bobet (FRA)Ercole Baldini (ITA)
1956Charly Gaul (LUS)Fiorenzo Magni (ITA)Agostino Coletto (ITA)
1955Fiorenzo Magni (ITA)Fausto Coppi (ITA)Gastone Nencini (ITA)
1954Carlo Clerici (SVI)Hugo Koblet (SVI)Nino Assirelli (ITA)
1953Fausto Coppi (ITA)Hugo Koblet (SVI)Pasquale Fornara (ITA)
1952Fausto Coppi (ITA)Fiorenzo Magni (ITA)Ferdi Kübler (SVI)
1951Fiorenzo Magni (ITA)Rik Van Steenbergen (BEL)Ferdi Kübler (SVI)
1950Hugo Koblet (SVI)Gino Bartali (ITA)Alfredo Martini (ITA)
1949Fausto Coppi (ITA)Gino Bartali (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1948Fiorenzo Magni (ITA)Ezio Cecchi (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1947Fausto Coppi (ITA)Gino Bartali (ITA)Giulio Bresci (ITA)
1946Gino Bartali (ITA)Fausto Coppi (ITA)Vito Ortelli (ITA)
1941-45Non disputato
1940Fausto Coppi (ITA)Enrico Mollo (ITA)Giordano Cottur (ITA)
1939Giovanni Valetti (ITA)Gino Bartali (ITA)Mario Vicini (ITA)
1938Giovanni Valetti (ITA)Ezio Cecchi (ITA)Severino Canavesi (ITA)
1937Gino Bartali (ITA)Giovanni Valetti (ITA)Enrico Mollo (ITA)
1936Gino Bartali (ITA)Giuseppe Olmo (ITA)Severino Canavesi (ITA)
1935Vasco Bergamaschi (ITA)Giuseppe Martano (ITA)Giuseppe Olmo (ITA)
1934Learco Guerra (ITA)Francesco Camusso (ITA)Giovanni Cazzulani (ITA)
1933Alfredo Binda (ITA)Jef Demuysere (BEL)Domenico Piemontesi (ITA)
1932Antonio Pesenti (ITA)Jef Demuysere (BEL)Remo Bertoni (ITA)
1931Francesco Camusso (ITA)Luigi Giacobbe (ITA)Luigi Marchisio (ITA)
1930Luigi Marchisio (ITA)Luigi Giacobbe (ITA)Allegro Grandi (ITA)
1929Alfredo Binda (ITA)Domenico Piemontesi (ITA)Leonida Frascarelli (ITA)
1928Alfredo Binda (ITA)Giuseppe Pancera (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1927Alfredo Binda (ITA)Giovanni Brunero (ITA)Antonio Negrini (ITA)
1926Giovanni Brunero (ITA)Alfredo Binda (ITA)Arturo Bresciani (ITA)
1925Alfredo Binda (ITA)Costante Girardengo (ITA)Giovanni Brunero (ITA)
1924Giuseppe Enrici (ITA)Federico Gay (ITA)Angiolo Gabrielli (ITA)
1923Costante Girardengo (ITA)Giovanni Brunero (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1922Giovanni Brunero (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)Giuseppe Enrici (ITA)
1921Giovanni Brunero (ITA)Gaetano Belloni (ITA)Bartolomeo Aymo (ITA)
1920Gaetano Belloni (ITA)Angelo Gremo (ITA)Jean Alavoine (FRA)
1919Costante Girardengo (ITA)Gaetano Belloni (ITA)Marcel Buysse (BEL)
1915-18Non disputato
1914Alfonso Calzolari (ITA)Pierino Albini (ITA)Luigi Lucotti (ITA)
1913Carlo Oriani (ITA)Eberardo Pavesi (ITA)Giuseppe Azzini (ITA)
1912Atala (ITA)Peugeot (FRA)Gerbi (ITA)
1911Carlo Galetti (ITA)Giovanni Rossignoli (ITA)Giovanni Gerbi (ITA)
1910Carlo Galetti (ITA)Eberardo Pavesi (ITA)Luigi Ganna (ITA)
1909Luigi Ganna (ITA)Carlo Galetti (ITA)Giovanni Rossignoli (ITA)
[/restab] [restab title=”La corsa in tv”]La corsa verrà trasmessa tutti i giorni da Rai2RaiSportEurosport. Gli orari ed i canali di trasmissione sono rintracciabili nella guida tv di Cicloweb[/restab][/restabs]

Le tappe nel dettaglio (analisi a cura di Emiliano Manna)

Sabato 11/5 - 1a tappa: Bologna - Bologna (Cronometro - 8 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]



Partenza: Bologna ore 16.50 (Partenza primo atleta)
Arrivo: Bologna ore 20 circa (Arrivo ultimo atleta)

Sprint intermedi: Nessuno
Gpm: San Luca (274 m-2.1 km-9.7%-3a cat.) km 8[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Come lo scorso anno, i primi distacchi fra gli uomini di classifica si avranno già dalla giornata inaugurale nella forma di cronometro individuale. La cornice, spettacolare, è quella del San Luca, erta simbolo del Giro dell’Emilia e di ritorno alla Corsa Rosa dopo un decennio esatto. La prova, lunga 8 km tondi, è suddivisa in due parti antitetiche: la prima, allontanandosi dal centro storico, caratterizzata da lunghi rettilinei e poche curve, larghe ma che possono infastidire in caso di asfalto bagnato; la seconda in costante e ripida ascesa (9.7% la pendenza media, 16% la massima, in corrispondenza della doppia, celeberrima curva delle Orfanelle), costeggiata in ogni suo centimetro dal maestoso portico seicentesco (il più lungo al mondo con oltre 650 archi). Una stretta curva ad U divide nettamente le due parti e rallenta notevolmente la marcia prima dell’inizio del tratto in salita: molto probabile assistere ad un cambio da bici in questo punto, lasciando quelle da crono a beneficio di quelle da strada.[/restab][/restabs]

Domenica 12/5 - 2a tappa: Bologna - Fucecchio (205 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Bologna ore 12.20
Arrivo: Fucecchio ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Montespertoli km 130.2, Empoli km 146.7
Gpm: Montalbano (424 m-5.8 km-6.8%-3a cat.) km 157.6, San Baronto (340 m-11.3 km-2.4%-4a cat.) km 178.7[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Prima tappa in linea e prima tappa over 200 km di una lunga serie, dal terreno decisamente accidentato anche se con le asperità abbastanza lontane dal traguardo. Eccettuato l’attraversamento appenninico da uno dei passi più dolci (La Serra, ossia la prima parte della strada che porta al Valico di Montepiano, 14 km a gradoni al 3% di media, non classificato come GPM) le difficoltà di giornata sono concentrate nella seconda metà: la più difficile è il Castra, salita di tutto rispetto con 5 km centrali all’8% di media e scollinamento ai 48 dall’arrivo, seguita da una discesa ricca di curve insidiose verso Vinci e il lungo ma pedalabile San Baronto (11 km al 3% circa, in un versante diverso da quello del GP Larciano). Giocheranno un ruolo importante nell’economia di giornata il veloce declivio verso il comune vinciano e lo strappo verso Cerreto Guidi, 1 km al 5.5% circa a una decina di chilometri dall’arrivo di Fucecchio, dove non è impossibile aspettarsi una volata di un gruppo ristretto in un rettilineo finale lungo quasi 1 km.[/restab][/restabs]

Lunedì 13/5 - 3a tappa: Vinci - Orbetello (220 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Vinci ore 12.14
Arrivo: Orbetello ore 17.20 circa

Sprint intermedi: Poggibonsi km 63.5, Grosseto km 167.5
Gpm: Poggio l’Apparita (202 m-3.8 km-4.9%-4a cat.) km 182.3[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Altra tappa molto lunga, dato che si toccano i 220 km, ma è sicuramente più facile della precedente ed aperta ai velocisti puri. Non mancano le insidie, dalla salita non classificata a Poggio all’Aglione ad inizio tappa (circa 6 km al 6% con un paio di tratti in doppia cifra) alla fase centrale che si dipana per le dolci pendenze delle colline senesi ai chilometri finali in laguna potenzialmente esposti al vento. Volata di gruppo quasi certa ma appesantita dalle tossine di un avvicinamento non banale. Particolarmente scenografico l’avvicinamento alla volata, con il passaggio sulla diga Leopoldiana che collega l’abitato con il Monte Argentario. Da segnalare una doppia curva finale a circa 500 metri dall’arrivo che, tuttavia, non dovrebbe provocare problemi.[/restab][/restabs]

Martedì 14/5 - 4a tappa: Orbetello - Frascati (235 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Orbetello ore 11.30
Arrivo: Frascati ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Vetralla km 114.9, Mentana km 186.7
Gpm: Manciano (389 m-8 km-3.7%-4a cat.) km 32.8[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Terza tappa consecutiva sopra la fatidica quota dei 200 km, caratterizzata da lievi ma continui saliscendi nell’entroterra viterbese e romano prima di arrivare nello sprint all’insù frascatano, in una versione alleggerita rispetto alla formulazione originaria per l’impossibilità di passare nel territorio della capitale. La rampa finale, presa di petto dopo un paio di chilometri di discesa, misura poco meno di 2000 metri ed ha una pendenza del 4.4% con delle punte al 7% proprio ad inizio salita ed un chilometro finale più leggero. Ultima semicurva, larga, a 250 metri dalla conclusione, per cui per avere chance di successo bisogna giocoforza entrarvi nelle primissime posizioni. Finale che favorisce gli uomini da volata più resistenti più che gli sprinter puri.[/restab] [/restabs]

Mercoledì 15/5 - 5a tappa: Frascati - Terracina (140 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Frascati ore 14
Arrivo: Terracina ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Cisterna di Latina km 51.5, Latina km 67.8
Gpm: Sezze (248 m-3.9 km-5.2%-4a cat.) km 87.2[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Tappa per velocisti breve (140 km) e dal disegno intelligente: l’avvio in salita, dapprima Rocca Priora, 8 km al 5.5%, poi Rocca di Papa, 5 km al 6.5%, garantisce una grande bagarre per formare la fuga di giornata, che potrebbe essere numerosa e di qualità, costringendo ad un faticoso braccio di ferro le squadre dei velocisti. Da Nemi in poi la strada scende per una cinquantina di km per poi risalire verso lo strappo di Sezze (4 km al 5.2% il troncone classificato come GPM) che può rivelarsi un altro piccolo ostacolo all’inseguimento del gruppo, favorito comunque dagli ultimi 40 km pianeggianti e dal circuito finale di 9200 metri su strade larghe e rettilinee; da segnalare alcune curve ad angolo retto da approcciare con cautela. Ultima curva a 1500 metri dal termine prima del rientro sulla Via Appia dove è posto il traguardo.[/restab][/restabs]

Giovedì 16/5 - 6a tappa: Cassino - San Giovanni Rotondo (238 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Cassino ore 11.25
Arrivo: San Giovanni Rotondo ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Bojano km 70.3, San Marco in Lamis km 225.1
Gpm: Coppa Casarinelle (678 m-15 km-4.4%-2a cat.) km 220.1[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Quarta tappa sopra i 200 km in sei giorni, in cui si affronta una salita di un certo rilievo. I primi 150 km si svolgono su un terreno simile a quello della giornata precedente: strade regionali in dolce ma continuo saliscendi, in grado di appesantire le gambe in vista degli ultimi, decisivi, 30 km. Coppa Casarinelle, la prima salita di seconda categoria del Giro, misura 15 km è ma pedalabile (4.4% di media con rarissime punte di pendenza), su strada larga caratterizzata da ampi tornanti e viste mozzafiato sul Tavoliere. Una asceas che sicuramente selezionerà il gruppo ma che è troppo facile per permettere di assistere ad uno scontro frontale tra i big o allo scatto secco di un uomo solo. Tale eventualità è paradossalmente più possibile nel breve strappo di San Marco in Lamis, lungo solo un paio di km ma con gli ultimi 300 metri al 10%. Il finale è ricco di saliscendi e l’ultimo chilometro, assolutamente infido, in lunghissimo rettilineo e in costante ascesa (gli ultimi 800 metri al 5%).
Un finale di tappa non durissimo ma palpitante e da correre con estrema attenzione.[/restab][/restabs]

Venerdì 17/5 - 7a tappa: Vasto - L'Aquila (185 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Vasto ore 12.40
Arrivo: L’Aquila ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Ortona km 39.2, Ripa Teatina km 78.1
Gpm: Le Svolte di Popoli (746 m-8.9 km-5.6%-2a cat.) km 138.8[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il Giro torna a L’Aquila a nove anni di distanza dalla folle, fradicia, lunghissima tappa che segnò l’edizione 2010. Lo fa con una tappa nel complesso molto più semplice ma dal finale abbastanza simile, che permette di creare anche qualche minimo buco tra i big. La prima parte è ondulata con tanto di breve passaggio a Chieti, tuttavia senza affrontare i famosi muri della zona. Le Svolte di Popoli è una salita seria (quasi 9 km al 5.6% di media, con lunghi tratti al 9%), con la particolarità di essere seguita da un lunghissimo falsopiano a salire che ritarda la picchiata verso l’Aquila di oltre 20 km. Gli ultimi 10 km si snodano interamente in città e prevedono i due strappi della Polveriera (3 km con punte del 9%), un tratto a costeggiare il Forte Spagnolo e la picchiata verso l’ultimo, impegnativo chilometro alla media del 7.6% (massima dell’11% prima dell’ingresso nel rettilineo finale di 450 metri).[/restab][/restabs]

Sabato 18/5 - 8a tappa: Tortoreto Lido - Pesaro (239 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Tortoreto Lido ore 11.25
Arrivo: Pesaro ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Senigallia km 127, Calcinelli km 159.4
Gpm: Monte della Mattera (418 m-9.1 km-3.9%-3a cat.) km 168.5, Monteluro (222 m-6 km-3%-4a cat.) km 203.7, Gabicce Monte (120 m-2.2 km-5.1%-4a cat.) km 214.9[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]La tappa più lunga del Giro con ben 239 km arriva nella zona dei muri marchigiani ma ne evita accuratamente i più duri. Non sarà comunque una giornata semplice dato che gli ultimi 100 chilometri sono ricchi di piccole ondulazioni, più o meno ripide. La più vistosa è il Monte della Mattera, GPM di terza Categoria la quale pendenza media (3.9%) cela tratti in doppia cifra alternati a porzioni in falsopiano. L’unico muro sostanzioso è quello di Monteluro, ad aprire il finale, bellissimo, sulla Panoramica del San Bartolo, strada ricca di curve e saliscendi (sono almeno 6 i piccoli strappi che seguono il GPM). La discesa, ricca di curve, termina a soli 2 km dal traguardo, posto soli 250 metri dopo l’ultima curva ad angolo retto. [/restab][/restabs]

Domenica 19/5 - 9a tappa: Riccione - San Marino (Cronometro - 34.8 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Riccione ore 13.15 (Partenza primo atleta)
Arrivo: San Marino ore 17.15 circa (Arrivo ultimo atleta)

Sprint intermedi: Nessuno
Gpm: San Marino (648 m-12.2 km-4.5%-2a cat.) km 34.8[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il secondo rendez-vous per gli uomini di classifica è, come la prima tappa, un esercizio individuale, il più lungo della corsa con i suoi 35 chilometri. È anche l’unico sconfinamento all’estero della presente edizione, nonché la wine stage dedicata al Sangiovese. Sarà un esercizio atipico, diviso in due: i primi 22 km sono tendenzialmente piatti ma, ad essere precisi, salgono costantemente all’1%, pendenza impercettibile dal divano ma che manderà in crisi le gambe di molti, favorendo invece notevolmente i passisti. Gli ultimi 12 km sono in costante ascesa verso il traguardo di San Marino (GPM di seconda categoria): una salita da passisti, divisa in due tronconi (i primi 5 km e gli ultimi 2) al 6.5% di media divisi da 5 km di mangia-e-bevi abbastanza esigente dal punto di vista planimetrico. Una prova complicata, che terrà per quasi 50 minuti gli atleti in bici e scaverà sicuri distacchi in classifica generale.[/restab][/restabs]

Martedì 21/5 - 10a tappa: Ravenna - Modena (145 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Ravenna ore 13.55
Arrivo: Modena ore 17.10 circa

Sprint intermedi: San Giovanni in Persiceto km 98.4, Crevalcore km 108
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Come recente abitudine Vegni “allunga” il giorno di riposo con un dittico di tappe dalla bassa difficoltà altimetrica. Nulla da segnalare nella prima, la più breve delle due, se non una grande quantità di attraversamenti urbani (con le tecnicalità che ne conseguono: rotatorie, dossi, restringimenti) e 2.2 km di rettilineo finale, interrotto da 450 metri di porfido all’altezza dell’arco dell’ultimo km posto nella strada che caratterizza la giornata, la Via Emilia. [/restab][/restabs]

Mercoledì 22/5 - 11a tappa: Carpi - Novi Ligure (221 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Carpi ore 12.05
Arrivo: Novi Ligure ore 17.15 circa

Sprint intermedi: San Zenone al Po km 147.8, Pontecurone km 189.7
Gpm: Nessuno[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Altra frazione completamente piatta ma ben più lunga della precedente, anche questa intervallata da numerosi attraversamenti cittadini. Di nuovo un infinito rettilineo conclude la prova (quasi 3 chilometri!), con l’ultimo chilometro che sale costantemente in dolce pendenza (1.5-2%) per una volata da calibrare al centimetro.[/restab][/restabs]

Giovedì 23/5 - 12a tappa: Cuneo - Pinerolo (156 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Cuneo ore 13.15
Arrivo: Pinerolo ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Paesana km 60.8, Cavour km 142.3
Gpm: Montoso (1248 m-8.8 km-9.5%-1a cat.) km 125.9[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Prima tappa di montagna. Omaggio alla celeberrima Cuneo-Pinerolo della quale, però, mantiene solamente le località di partenza e di arrivo: niente sconfinamento in Francia, lunghezza breve, nessuno dei cinque colli originari. Sarà comunque una giornata molto interessante per la presenza di una novità di livello, il Montoso, primo gpm di prima categoria incontrato in questa edizione. Classificazione sacrosanta: sebbene scollini alla non enorme quota di 1248 metri è una bestiaccia di quasi 9 km al 9.5% di media, con una parte centrale estremamente regolare e sempre in doppia cifra, in grado di fare selezione praticamente da sola e lasciare un gruppo assai selezionato in cima, ai 32 km dal traguardo. Un po’ lontanuccio, ma se qualche big accusa il minimo colpo in salita o nella ugualmente complicata e puntuta discesa se ne vedranno delle belle: prospettiva non così improbabile dato che si arriva a questo primo test montagnoso con gli ampi distacchi segnati dalle due cronometro individuali. Il finale presenterà il bellissimo muro in pavé di Via Principi d’Acaja, con pendenze fino al 20%, già affrontato nel 2016.[/restab][/restabs]

Venerdì 24/5 - 13a tappa: Pinerolo - Ceresole Reale (196 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Pinerolo ore 11.35
Arrivo: Ceresole Reale ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Curognè km 118.6, Locana km 162.6
Gpm: Colle del Lys (1311 m-14.9 km-6.4%-1a cat.) km 54.3, Pian del Lupo (1405 m-9.4 km-8.7%-2a cat.) km 126.3, Lago Serrù (2247 m-20.3 km-5.9%-1a cat.) km 195[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il primo arrivo in salita ed il primo tappone con circa 4500 metri di dislivello. La partenza è effervescente con la colletta di Cumiana nei primissimi chilometri a selezionare una fuga di corridori potenti ed il Colle del Lys dal versante più nobile da affrontare dopo 40 chilometri: una salita di tutto rispetto (14.9 km al 6.4%, con una parte finale molto dura) che darà un’indicazione di massima se la vittoria di giornata arriderà ad un fuggitivo o ad un uomo di classifica. I due inediti sono sicuramente i piatti più interessanti nel menù: dapprima Pian del Lupo, una salita classificata in maniera ingenerosa come seconda categoria, contiene i 3 km centrali all’11% di media. Dalla vetta una discesa molto insidiosa, cui segue la spettacolare ascesa al Lago Serrù, bacino artificiale ai piedi del Colle del Nivolet. 20 chilometri di ascesa, 1200 metri di dislivello, un crescendo che porta il dolce fondovalle ad incresparsi sempre più fino ad una parte finale costantemente sopra il 9%: sono caratteristiche che ricordano quelle di un’altra celebre salita piemontese, il Colle dell’Agnello. Rispetto al colosso italo-francese la salita al Serrù è un po’ meno difficile (ciò dovuto anche al fatto che si arriva alcuni chilometri prima del Colle vero e proprio), ma si parla comunque di un mostro che imporrà distacchi significativi e taglierà qualche testa tra i pretendenti al Trofeo Senza Fine. Il tutto in uno scenario naturale semplicemente impagabile.[/restab][/restabs]

Sabato 25/5 - 14a tappa: Saint Vincent - Courmayeur (131 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Saint Vincent ore 13.15
Arrivo: Courmayeur ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Aosta km 33.7, La Salle km 91.7
Gpm: Verrayes (1017 m-6.7 km-8%-2a cat.) km 13.8, Verrogne (1582 m-13.8 km-7.1%-1a cat.) km 51.5, Truc d’Arbe (1256 m-8.2 km-7%-2a cat.) km 75.9, Colle San Carlo (1951 m-10.5 km-9.8%-1a cat.) km 106.1, Courmayeur (1293 m-8 km-3.2%-3a cat.) km 131[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Tappa più breve del Giro con i suoi 131 km, ma talmente infarcita di salite che di pianura se ne conta ben poca. Pronti, via ed ecco subito la salita verso Verrayes, 6.7 km all’8% di media che avranno un’importanza capitale per le tattiche delle squadre dei big. Dopo una fase più calma, l’unica, con l’attraversamento di Aosta è il turno della salita più lunga di giornata: Verrogne, quasi 14 km con una media al 7.1%, abbassata da alcuni brevi tratti in contropendenza ed una seconda parte più agevole. La discesa è lunga e ricca di tornanti, ben pavimentata ma non particolarmente larga, prima di approcciare il Truc d’Arbre, 8.2 km al 7%. Discesa tortuosa per rientrare sulla statale 26 dove, a La Salle, è posto il traguardo volante al termine di due chilometri insidiosi (intorno all’8%) che allungheranno. Subito dopo inizia lo spauracchio di giornata, il Colle San Carlo, alla seconda partecipazione al Giro d’Italia. Salita lunga 10.5 con pendenza regolare al 10%, con i tratti più duri al terzo e al quarto chilometro. Sarà questa la salita nella quale i big si sfideranno in prima persona, dato che dopo lo scollinamento rimangono 25 km al traguardo. Discesa tecnica nella prima parte fino a La Thuile (la prudenza di Basso nel disegnare i tornanti bagnati nel 2006 è ancora viva), poi larga e rettilinea fino all’imbocco della salita finale divisa in due parti: i primi 3 km in salita al 6%, i restanti 5 in falsopiano prima a scendere, poi a salire fino al traguardo posto ai piedi del Monte Bianco.[/restab][/restabs]

Domenica 26/5 - 15a tappa: Ivrea - Como (232 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Ivrea ore 11.25
Arrivo: Como ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Busto Arsizio km 93.3, Cantù km 127.3
Gpm: Madonna del Ghisallo (754 m-8.6 km-5.6%-2a cat.) km 173.7, Colma di Sormano (1124 m-9.6 km-6.6%-2a cat.) km 189.6, Civiglio (613 m-4.2 km-9.6%-3a cat.) km 220.3[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]La frazione domenicale non va quasi mai sopra quota 1000 ma sarà comunque un test importante per gli uomini di classifica dato che il finale ricalca in modo fedele il percorso del Lombardia comasco. Tappa di nuovo molto lunga (232 km) in cui i primi 160 km sono pianeggianti se si eccettua la salita a Zimone (6% di media) ad inizio tappa. La sequenza decisiva inizia con l’immortale Ghisallo per poi proseguire con la Colma di Sormano, purtroppo priva del muro per questioni logistiche. Rimane comunque una salita di quasi 10 km, sebbene più regolare, seguita da una discesa estremamente impegnativa per carreggiata e planimetria, con numerosi tratti a strapiombo. Il classico lungolago, solo apparentemente pianeggiante ma ricco di brevi contropendenze e tortuosità, porta all’imbocco della salita a Civiglio, punto culminante della giornata: quattro chilometri regolarissimi al 9.6%, che conducono allo scollinamento nel villaggio omonimo, in un breve tratto dalla carreggiata estremamente stretta. Seguono 6 km di discesa, impegnativa nella prima parte, più filante ma sempre veloce nella seconda, prima dei 3 km metri finali pianeggianti a raggiungere il traguardo di Como: non si affronteranno, infatti, né il San Fermo (tuttora inagibile) né il più facile Monte Olimpino. Tappa che assomma poco meno di 3000 metri di dislivello totali e presenta due tra le discese più complicate -sebbene non lunghissime- di questa edizione: gli ingredienti per una gara selettiva ci sono tutti.[/restab][/restabs]

Martedì 28/5 - 16a tappa: Lovere - Ponte di Legno (194 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Lovere ore 11.35
Arrivo: Ponte di Legno ore 17.15

Sprint intermedi: Edolo km 110, Mazzo di Valtellina km 154
Gpm: Cevo (1054 m-10.6 km-5.9%-3a cat.) km 89.6, Aprica (1173 m-3a cat.) km 128.2, Passo del Mortirolo (1854 m-11.9 km-10.9%-1a cat.) km 166.3[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Tappa modificata per impraticabilità del Passo Gavia

Data la particolare orografia del massiccio alpino è assai frequente che il martedì della settimana conclusiva non sia un giorno di docile ritorno in sella ma, al contrario, una esigente tappa di montagna: è successo così ad esempio dal 2014 al 2017, con le folli tappe di Val Martello, Aprica, Andalo e Bormio a testimoniare che riprendere dopo un giorno di pausa può essere cosa indigesta a non pochi. Quest’anno si esagera con quella che è la tappa più dura dell’edizione: 226 km, oltre 5000 metri di dislivello con la Cima Coppi e il Mortirolo. La prima ora e mezzo sarà palpitante: si inizia subito con la scalata alla Presolana (sorprendentemente non classificata come GPM), quasi 30 km fra falsopiano e salita vera e propria; c’è poi la più breve Croce di Salven cui segue una picchiata di una quindicina di chilometri verso la Val Camonica. Questi 60 km, inutile a dirlo, saranno fondamentali per la formazione di una fuga di qualità, ricca di pretendenti al successo di tappa o di gregari preposti al ruolo di testa di ponte nelle fasi calde della tappa. 50 km di falsopiano portano al primo passaggio sulla linea di arrivo a Ponte di Legno, inizio formale del primo mostro di giornata e Cima Coppi della presente edizione, il Passo Gavia, 16.5 km all’8% con scollinamento a 2618 metri sul livello del mare. Effettuando il conto da Edolo, poco meno di 40 km di salita per 2000 metri di dislivello,  numeri paurosi che potrebbero costare cari a molti anche se la vetta è molto distante dal traguardo. 20 km di discesa verso Bormio ed un’altra trentina di fondovalle verso Mazzo di Valtellina portano il gruppo, prevedibilmente già sfinito, ad affrontare il Mortirolo dal versante più nobile. Salita interminabile, atroce, relativamente giovane ma già leggendaria; tre quarti d’ora di scalata seguita da una discesa che prosciugherà le energie mentali residue ed un inedito falsopiano finale di 15 km che dilaterà, più che ridurre, le differenze create dall’indigestione montuosa delle sei ore precedenti.[/restab][/restabs]

Mercoledì 29/5 - 17a tappa: Commezzadura - Anterselva (181 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Commezzadura ore 12.25
Arrivo: Anterselva ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Bressanone km 108.9, Brunico km 153
Gpm: Elvas (824 m-3.4 km-7.6%-4a cat.) km 114, Terento (1244 m-6.6 km-7.6%-3a cat.) km 135.3, Anterselva (1635 m-5.5 km-6.9%-3a cat.) km 181[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Dopo una tappa capolavoro come quella precedente, i corridori meriterebbero sicuramente un giorno altimetricamente tranquillo per poter rifiatare. Cosa che puntualmente non accadrà nella frazione odierna verso Anterselva dato che gli ultimi 5 km si arrampicano allegramente al 8,5% di media (praticamente la Planche des Belles Filles, per intenderci) fino a raggiungere l’insolito e suggestivo traguardo all’interno dello Stadio del Biathlon, sede il prossimo anno dei Campionati Mondiali della disciplina. Il resto della tappa non è privo di difficoltà dato che, oltre alla salita conclusiva, si affronteranno il Passo della Mendola (dal lato più breve ma con una direttissima iniziale al 15%) ed i due strappi tipicamente altoatesini di Elvas e Terento, brevi ma dalle pendenze spesso e volentieri in doppia cifra.[/restab][/restabs]

Giovedì 30/5 - 18a tappa: Valdaora - Santa Maria di Sala (222 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Valdaora ore 12.10
Arrivo: Santa Maria di Sala ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Conegliano km 159.9, Scorzè km 205.1
Gpm: Pieve di Alpago (691 m-6.7 km-4.5%-4a cat.) km 118.1[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Tappa dedicata ai pochi, coraggiosi, folli, velocisti che sono riusciti a superare l’impressionante carosello montagnoso delle giornate precedenti. Partenza in falsopiano e lunghissima discesa fino alla pianura, rotta solo dall’ininfluente GPM di Pieve d’Alpago a metà percorso. Tappa comunque molto lunga (222 km), che si conclude con tutte le premesse per uno sprint nutrito: ultimi chilometri completamente piatti, rettilineo finale di 2 km con strada larga.[/restab][/restabs]

Venerdì 31/5 - 19a tappa: Treviso - San Martino di Castrozza (151 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Treviso ore 13.05
Arrivo: San Martino di Castrozza ore 17.10 circa

Sprint intermedi: Lentiai km 86.6, Fonzaso km 109.1
Gpm: Passo San Boldo (701 m-6.3 km-6.8%-3a cat.) km 66.6, Lamon (594 m-7.4 km-3.7%-4a cat.) km 116.5, San Martino di Castrozza (1478 m-13.6 km-5.6%-2a cat.) km 151[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Penultima tappa di montagna che, però, non fa propriamente tremare i polsi per la durezza del disegno. I primi 110 km sono ricchi di salite più o meno brevi sulle quali spicca il pittoresco Passo San Boldo, soprannominato “strada dei cento giorni” perché ultimata in tutta fretta nel 1918 dal genio militare austriaco. Asperità abbastanza dura e ricchissima di tornanti, gli ultimi dei quali addirittura scavati in galleria per ridurre i tempi di realizzazione. Sarà comunque la non dura ascesa finale a San Martino di Castrozza ad essere decisiva ai fini della tappa: discretamente lunga ma regolarissima e pedalabile, dalle scarse punte di pendenza. Un arrivo che ad inizio Giro sarebbe più da gruppetto che da uomo solo, ma che dopo tre settimane di gara può anche rivelarsi più duro: può presentarsi alla mente il paragone con l’edizione 2018, dove a Pratonevoso si sono viste le prime incrinature in un Yates fino ad allora indistruttibile, ma tuttavia bisogna comunque tener conto della maggiore facilità dell’arrivo all’ombra delle Pale rispetto alla salita piemontese.[/restab][/restabs]

Sabato 1/6 - 20a tappa: Feltre - Croce d'Aune Monte Avena (194 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]
Partenza: Feltre ore 11.20
Arrivo: Croce d’Aune Monte Avena ore 17.15 circa

Sprint intermedi: Telve km 58.8, Predazzo km 112.5
Gpm: Cima Campo (1425 m-18.7 km-5.9%-2a cat.) km 27.1, Passo Manghen (2047 m-18.9 km-7.6%-1a cat.) km 78, Passo Rolle (1980 m-20.6 km-4.7%-2a cat.) km 133.1, Croce d’Aune (1015 m-11.1 km-5.5%-2a cat.) km 183.1, Monte Avena (1225 m-6.9 km-7.3%) km 194[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]È un vero e proprio tappone quello che conclude il menù di montagna: quasi 200 km, 5000 metri di dislivello e cinque passi da scalare con tanto di arrivo in salita al Monte Avena, poco sopra il valico di Croce d’Aune: una versione rivista ed indurita della Granfondo Sportful. La struttura di tappa invita al tutto per tutto con le due salite più dure subito all’inizio: Cima Campo è una salita veramente importante, a dispetto della classificazione di seconda categoria, che con la sua lunghezza e regolarità (quasi 19 km di salita al 6% di media) permette di selezionare in maniera importante il gruppo se affrontata con decisione. 25 km di discesa portano alla principale asperità di giornata, il Manghen, una delle salite dolomitiche più toste. 23 km di salita, 1600 metri di dislivello e scollinamento a quota 2000 dopo 6 km finali al 10% di media, il tutto al ventesimo giorno di corsa. Chi è attardato in classifica deve avere il coraggio di attaccare qui, a 115 km dal traguardo, dato che il Rolle è molto lungo (oltre 20 km) ma pedalabile. Stessa cosa può essere detta per i quasi 40 km seguenti di discesa, preludio alla fase che verosimilmente sarà quella decisiva per quanto riguarda gli onori di tappa e classifica generale. L’accoppiata Croce d’Aune e Monte Avena è racchiusa in brevissimo spazio (15 km comprensivi di un breve tratto di discesa a collegare le due asperità) ma presenta pendenze veramente toste: praticamente sempre sopra l’8%, con punte che addirittura sul Croce d’Aune raggiungono il 16%; c’è il rischio di pagare un dazio abbastanza pesante anche andando in crisi solamente negli ultimi chilometri. Tappa che può essere bellissima o noiosetta: tutto dipende dalla situazione di classifica e dall’attitudine dei corridori.[/restab][/restabs]

Domenica 2/6 - 21a tappa: Verona - Verona (Cronometro - 17 km)
[restabs alignment=”osc-tabs-left” pills=”nav-pills” responsive=”true” text=”More”] [restab title=”La tappa” active=”active”]Partenza: Verona ore 13.40 (Partenza primo atleta)
Arrivo: Verona ore 17.15 circa (Arrivo ultimo atleta)

Sprint intermedi: Nessuno
Gpm: Torricelle (277 m-4.5 km-4.6%-4a cat.) km 9.5[/restab] [restab title=”Analisi del percorso”]Il Giro d’Italia 2019 si concluderà con una tappa a cronometro, che però influirà sulla classifica generale solo se i distacchi saranno contenuti: la prova veronese infatti sarà lunga appena 17 chilometri, una distanza sulla quale sembra quasi impossibile che tra i contendenti al podio o alla maglia rosa possano essere differenze superiori al minuto e mezzo. Il tracciato è simile, ma non identico (cambia la partenza e qualcosina nel finale) alla cronometro finale del Giro 2010 che venne vinta dallo svedese Gustav Erik Larsson e che incoronò Ivan Basso come maglia rosa di quell’edizione: la rampa del via sarà posta alla fiera di Verona, da lì si andrà ad affrontare la nota salita delle Torricelle (4.5 chilometri al 4.6%) per poi puntare di nuovo verso in centro della città scaligera con l’arrivo all’Arena. La salita ed il tracciato cittadino con diverse curve e pochi lunghi rettilinei non la rendono una cronometro ideale per gli specialisti puri delle prove contro il tempo: ma lo sappiamo, dopo tre settimane di gara quello che conta sono le energie residue.[/restab][/restabs]

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

Versione stampabile