Un anno di ciclismo 2019

Ripercorriamo con la nostra fotogallery i migliori momenti degli ultimi 12 mesi nel ciclismo maschile

Lo ricorderemo a lungo, o forse per sempre, come l’anno in cui il ciclismo mondiale fu investito, travolto, stordito da una nuova ondata di campioni, alcuni giovanissimi, destinati a monopolizzare le prime pagine per le stagioni a venire: il 2019, l’anno di Evenepoel e Van der Poel, di Pogacar e Bernal, di Pedersen e Bettiol, di classiche spettacolari e grandi giri combattuti, di esplosioni e implosioni, consacrazioni e rivelazioni, sorprese e premi alla carriera. Ritroviamo tutto ciò condensato nelle 25 foto che abbiamo scelto per questa nostra fotogallery di Natale!

1
Potevamo scegliere il GP de Denain piuttosto che un paio di arrivi al Tour of Britain o la Dwars door Vlaanderen. Ma se c'è da isolare un solo momento nell'anno su strada di Mathieu van der Poel arriva nella corsa di casa: la domenica pasquale regala un'Amstel Gold Race leggendaria, che rimarrà per sempre impressa nella mente degli appassionati. Alaphilippe e Fuglsang vengono raggiunti nell'ultimo km da Kwiatkowski e si rilassano. Ahiloro, perché da dietro un treno tricolore sbuffa e stantuffa per riportare sé ed altri al comando. È Mathieu, che con le poche energie rimaste sgretola la concorrenza per un boato assordante del pubblico, in loco e davanti agli schermi © Getty Images
« 25 di 25 »

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile