Beñat Intxausti in testa al gruppo in maglia Euskadi Murias © Podium/Paulo Maria
Beñat Intxausti in testa al gruppo in maglia Euskadi Murias © Podium/Paulo Maria

Il basco Beñat Intxausti annuncia il ritiro dopo quattro anni di calvario

La notizia era purtroppo nell’aria e ha trovato conferma oggi in una conferenza stampa tenutasi a Bilbao: il basco Beñat Intxausti, classe 1986, ha annunciato infatti il ritiro dal ciclismo professionistico dopo quattro anno di vero calvario per problemi di salute. Intxausti era passato professionista nel 2008 nella Scott-American Beef dopo aver messo in mostra buoni numeri da dilettante e la sua carriera è spiccata tra il 2010 ed il 2011 con il passaggio prima all’Euskaltel e poi alla Movistar: la corsa che gli ha regalato le maggiori soddisfazioni è stato il Giro d’Italia in cui ha vinto due tappe (Ivrea 2013, Campitello Matese 2015), ha vestito per un giorno la maglia rosa ed è stato una volta ottavo nella generale finale.

Nel 2016 la sua carriera sembrava destinata ad una svolta importante avendo siglato un triennale con il Team Sky e ad inizio febbraio era stato subito terzo alla Volta Valenciana. Quello è stato di fatto l’ultimo risultato della carriera di Intxausti che ha contratto una forma estremamente debilitante di mononucleosi da cui non è mai riuscito a recuperare appieno: da quel momento, infatti, il talentuoso corridore basco non ha praticamente più gareggiato, nelle poche occasioni in cui è stato schierato al via si è quasi sempre ritirato ed anche il tentativo di rilancio avvenuto nel 2019 con l’Euskadi Murias non ha dato i frutti sperati nonostante un prestazione discreta al Giro di Turchia.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile