Christophe Laporte scruta il futuro © Cofidis
Christophe Laporte scruta il futuro © Cofidis

Classiche a rischio per Laporte? In Argentina il francese si è fratturato il polso

La caduta avvenuta ieri, a 3500 metri dal termine della frazione inaugurale della Vuelta a San Juan, costringerà ai box per un periodo non banale uno dei principali corridori al via nella gara argentina. Si tratta di Christophe Laporte, velocista della Cofidis e capitano designato del team nelle classiche del pavé.

Il ventisettenne francese ha riportato la frattura del polso che, ovviamente, lo costringe a non prendere il via oggi nella seconda tappa della gara sudamericana. Laporte si trova così ad iniziare nel peggiore dei modi un 2020 per lui importante, incentrato soprattutto nelle prove in linea: il programma originario prevedeva la presenza a tutte le prove in linea sulle pietre oltre che alla Milano-Sanremo e all’Amstel Gold Race. Inevitabile, dunque, immaginare una modifica almeno inizialmente nei suoi impegni, con l’auspicio che possa trovare presto una condizione accettabile per gli altri appuntamenti.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile