Uscire in bici in sicurezza

Terreni sconnessi, sassi, buche e dossi tendono a mettere sotto stress la nostra bici, ad usurarne i componenti e a farle perdere le regolazioni. Per questi motivi è importantissimo controllare il suo stato di salute generale prima di ogni uscita.

Ma anche se non utilizzate la vostra bici o mountain bike da mesi dovreste controllarla adeguatamente: le bike soffrono, infatti, sia l’inattività che l’utilizzo sostenuto.

Un’operazione di controllo richiede pochi minuti e vi eviterà che sorgano i problemi più svariati quando sarete fuori su strada. Vediamo come fare al meglio un check-up rapido della propria bici.

 

Check-up della bici: da dove iniziare
Per iniziare, controllate lo sterzo: osservate se l’attacco del manubrio è parallelo alla ruota e provate a muoverlo ruotandolo di 180°. Se lo sterzo fa rumori strani, oppure è eccessivamente rigido significa che ha bisogno di una regolata o di una pulizia completa.

La serie sterzo è una delle componenti più importanti della bici e andrebbe revisionata in modo approfondito almeno una volta l’anno.

Tra gli accessori indispensabili per il check-up della bici vi consigliamo di utilizzare un cavalletto, utile per un controllo a 360°. In commercio ne esistono anche di pieghevoli. Una volta adagiata la bici sul cavalletto, controllate i raggi e provate a far girare le ruote per verificare che i movimenti siano fluidi.

Già che siete sulle ruote, ispezionate i copertoni e l’eventuale presenza di screpolature o piccoli detriti. Pizzicate anche tutti i raggi: I raggi ben tesi emettono un suono acuto, mentre uno allentato ha un suono più basso.

Se i raggi lenti sono più di due o tre, vi conviene ricentrare la ruota oppure portare la bici da un meccanico.

 

Lubrificate la catena
La catena va periodicamente lubrificata: smontate le ruote e procedete lungo ciascun perno, lubrificandoli uno ad uno. Dopodiché, fatela girare lentamente per aiutare la penetrazione all’interno delle maglie. Terminate l’operazione rimuovendo l’eccesso di lubrificante con uno straccio pulito.

Altre componenti della bici che sarebbe bene lubrificare sono gli snodi del cambio e del deragliatore, le “rotelline” del cambio posteriore, i perni dei pedali, i cavi dei freni e del cambio, gli steli delle forcelle.

 

Controllate i freni
Fate una piccola prova per verificare la risposta dell’impianto frenante, soprattutto se la bici viene da una lunga inattività. In questi casi è piuttosto frequenta la formazione di una patina sui pattini e cerchi.

Osservateli in azione: i due bracci si muovono in sincrono? Se notate problemi, provate a lubrificare le molle fino a che i bracci non si muoveranno normalmente.

Nel caso in cui la frenata non dovesse migliorare e il sistema non desse una risposta immediata è bene sostituire i pattini o le pastiglie.

 

Controllate i serraggi
Uno dei passaggi fondamentali per evitare problemi su strada è controllare la tensione delle viti. Anche se montate con il frenafiletti, queste tendono infatti ad allentarsi in risposta agli urti e alle vibrazioni.

Anche l’umidità e la scarsa manutenzione possono portare diversi problemi, come la ruggine. Per controllare i serraggi, ed eventualmente regolarli, vi sarà indispensabile una chiave dinamometrica.

A differenza di ciò che possiate pensare, non si tratta di un attrezzo per soli professionisti e il suo uso è abbastanza semplice. La chiave vi aiuterà a regolare le viti e “scatterà” quando avrà raggiunto il valore giusto, così che saprete quando fermarvi.

L’unica cosa che dovrete fare è leggere la coppia di serraggio consigliata, che si solito è indicata sui componenti stessi. Il meccanismo della chiave dinamometrica è utile per sapere quando fermarsi e non stringere oltre il consentito.

Molti principianti cadono nell’errore di pensare che più si stringono le viti, minore sarà la possibilità di perderle; in realtà un serraggio troppo stretto è pericoloso e può portare alla rottura delle componenti della bici, particolarmente per i modelli in carbonio.

 

Altri consigli utili
In conclusione, è sempre bene verificare il funzionamento delle luci e controllare la borraccia. Meglio prepararsi in anticipo ed avere scorte idriche sufficienti per tutta la durata dell’escursione.

Ricordatevi di portare con voi anche una camera d’aria di scorta e tutti gli attrezzi necessari a fare piccole riparazioni: non c’è niente di peggio che avere problemi lungo la strada e non poter fare nulla perché non si ha l’occorrente.

Per controllare la propria bici bastano davvero pochi minuti, ma è sicuramente tempo speso bene, perché andrà a beneficio del vostro divertimento e della vostra sicurezza.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

L’angolo della polemica

Versione stampabile