Eva Lechner in azione © Eva Lechner
Eva Lechner in azione © Eva Lechner

Problemi al ginocchio per Eva Lechner dopo la caduta a Tabor

Domenica, nelle fasi iniziali della prova élite femminile della Coppa del Mondo di ciclocross a Tabor, Eva Lechner è stata coinvolta in una caduta con altre atlete. La campionessa italiana, riuscita comunque a concludere la prova, deve però fermarsi per un po’ di tempo, come spiega il suo allenatore Luca Bramati: «Il ginocchio di Eva è gonfio, ha iniziato i primi accertamenti e c’è il sospetto dello stiramento dei tendini posteriori dovuti alla iperestensione della gamba. Deve fare riposo assoluto per tre giorni e poi, se si sgonfia, si potranno fare esami più approfonditi con tac e risonanza magnetica. Speriamo che tutto si risolva velocemente».

Dal canto suo, queste le parole dell’atleta altoatesina, che spiega la dinamica dell’incidente: «A dire il vero non so bene cosa è successo: ero all’interno della curva presente dopo circa 200 metri dal via e mi trovavo circa in decima posizione. Strada stretta, si sono toccate diverse atlete e nella caduta sono rimasta coinvolta anch’io. Ero per terra, mi sono protetta e ho aspettato che passassero le altre prima di rialzarmi. La mia bici si era incastrata con quella di Katie Compton; ho guidato con prudenza e sono arrivata fino ai box dove ho deciso di proseguire con quella di riserva. Mi bruciavano le ginocchia e facevo fatica ma sono arrivata al traguardo. Appena tornata a casa mi sono fatto vedere dal fisioterapista e dal dottore: le ginocchia sono gonfie e soprattutto la gamba destra mi fa male e non riesco a piegarla. Adesso sono costretta a riposare e di sicuro non potrò tornare a gareggiare a breve».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile