Juan Ayuso © Team Colpack-Ballan
Juan Ayuso © Team Colpack-Ballan

Trofeo Piva, numero d’alta scuola per Juan Ayuso. Sul podio Colnaghi e Puppio

La settantaduesima edizione del Trofeo Piva, per la prima volta nella storia, parla spagnolo. Merito di Juan Ayuso, purissimo talento spagnolo del Team Colpack Ballan e pronto al passaggio nel 2022 nel World Tour con la UAE Team Emirates. Nella gara trevigiana di 178.1 km Ayuso ha fatto valere le proprie qualità, lui che pochi giorni fa si era messo in luce alla Settimana Coppi&Bartali contro i professionisti. Il diciottenne ha attaccato prima sullo strappo di San Vigilio e poi su quello di Combai, dimostrandosi di un’altra categoria rispetto alla concorrenza.

Sul traguardo di Col San Martino Ayuso è giunto in perfetta solitudine, regalando in questa maniera la quinta affermazione dell’anno alla compagine bergamasca. Seconda piazza a 1’03” per Luca Colnaghi (Trevigiani Campana Imballaggi) che ha preceduto di poco Antonio Puppio (Team Qhubeka).

A 1’05” sono giunti Gabriele Benedetti (Zalf Euromobil Désirée Fior), Jacopo Menegotto (General Store-Essegibi), Thomas Pesenti (Beltrami TSA Tre Colli) e Alessandro Baroni (Gallina-Ekotek-Colosio), a 1’10” completano la top ten Andrea Pietrobon (Cycling Team Friuli), l’eritreo Henok Mulubrhan (Team Qhubeka) e il norvegese Johannes Staune-Mittet (Jumbo-Visma Development Team).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile