Il podio del campionato olandese a cronometro © NK Wielrennen
Il podio del campionato olandese a cronometro © NK Wielrennen

Cancellara e Dumoulin mantengono le promesse

Il riepilogo dei campionati a cronometro disputati oggi: in Polonia Bodnar, in Lettonia Smukulis

Decima ed ultima maglia di campione svizzero a cronometro per Fabian Cancellara: Spartacus ha vinto a Martigny, sulla distanza di 41 km, con il tempo di 53’12”. Alle sue spalle il corridore dell’IAM Cycling Reto Hollenstein, lontano 1’20”; il terzo più rapido è stato Théry Schir (EKZ Racing Team) a 1’23” ma, essendo iscritto alla prova under 23 (vincendo quindi il titolo di caregoria), il terzo élite è l’altro elemento dell’IAM Cycling Simon Pellaud che paga 2’27”. Caduto e ritirato il principale rivale del bernese, vale a dire Stefan Küng (BMC Racing Team).

A Middelharnis i Paesi Bassi tornano ad incoronare re, dopo un anno di astinenza, Tom Dumoulin: il corridore del Team Giant-Alpecin ha fatto segnare un parziale di 59’04”, che gli ha permesso di avere la meglio sul terzetto del Team LottoNl-Jumbo formato da Jos van Emden, Wilco Kelderman (che era campione uscente) e Steven Lammertink, giusti rispettivamente a 34″, 1’18” e 1’52”.

Per la quarta volta la Polonia ha come campione nazionale a cronometro Maciej Bodnar: a Swidnica i 52 km hanno premiato il corridore della Tinkoff che, con il tempo di 1h07’28”, ha preceduto il campione in carica Marcin Bialoblocki (ONE Pro Cycling) e di 1’29” Mateusz Taciak (CCC Sprandi Polkowice).

Infila la sesta affermazione di fila Gatis Smukulis: a Rauna il corridore dell’Astana Pro Team ha impiegato 46’40” per percorrere i 35 km di gara del campionato lettone. Per l’ottava volta consecutiva il secondo posto è di Aleksejs Saramotins (IAM Cycling), giunto a 46″. Terzo a 1’24” è Toms Skujins (Cannondale).

In Finlandia poker per Samuel Pökälä che a Turku ci ha impiegato 59’10” per percorrere i 45 km previsti. Con lui sul podio Tommi Martikainen e Sasu Halme, che pagano rispettivamente 1’06” e 1’08”.

Come ampiamente prevedibile podio tutto targato Synergy Baky Cycling Project per il campionato a cronometro dell’Azerbaigian. A Ismayilli Elchin Asadov ha vinto con il tempo di 47’43”; nei 35 km di gara si è messo alle spalle Maksym Averin di 1’07” e Samir Jabayilov di 1’50”.

Almaty è stata la città scelta per ospitare la prova contro il tempo valida per il campionato nazionale del Kazakistan. Dmitriy Gruzdev (Astana Pro Team) ha conquistato il terzo successo in carriera dopo quelli del 2011 e del 2012 precedendo i più giovani Zhandos Bizhigtov (Vino 4-ever SKO) e Nikita Stalnov (Astana City).

Archivio

La vignetta di Pellegrini