Daniele Ratto esulta alla Vuelta 2013 © Jaime Reina - AFP
Daniele Ratto esulta alla Vuelta 2013 © Jaime Reina - AFP

Smette a fine stagione Daniele Ratto. Si ritira anche Sébastien Chavanel

Era considerato tra i più promettenti corridori della sua generazione e nel 2010, primo anno tra gli élite, seppe vincere il GP Industria e Artigianato davanti a rivali ben più stagionati. Da allora un solo, ma importante, successo: la tappa di Collada de la Gallina alla Vuelta a España 2013, resistendo a lungo in fuga solitaria in una giornata da tregenda.

Ma all’alba dei ventisette anni, che compirà ad inizio ottobre, Daniele Ratto annuncia il ritiro. Il corridore nativo di Moncalieri rivela in un’intervista a Tuttobiciweb di non avere più le motivazioni per proseguire l’attività agonistica preferendo dedicarsi alla famiglia e ad una nuova avventura da preparatore. Da questa stagione alla Androni Giocattoli-Sidermec, Ratto ha raccolto quattro terzi posti come migliori traguardi.

Da segnalare anche un altro ritiro: non confermato dalla FDJ e non riuscito a trovare una formazione per la prossima stagione, ha deciso di smettere Sébastien Chavanel. Il fratello più giovane del noto Sylvain lascia dopo quattordici anni da professionista dove ha saputo raccogliere una decina di vittorie e la classifica della Coupe de France 2007, la sua annata migliore.

Archivio

La vignetta di Pellegrini