Andrea Guardini stringe la mano a Bruno Reverberi © Bardiani CSF
Andrea Guardini stringe la mano a Bruno Reverberi © Bardiani CSF

Ora è ufficiale: Andrea Guardini ha firmato con la Bardiani CSF

Secondo acquisto dal World Tour per la Bardiani CSF. Dopo Manuel Senni la formazione emiliana ha infatti annunciato l’arrivo di Andrea Guardini. Il velocista veronese sarà lo sprinter di punta del team per le prossime due stagioni. Il ventottenne ha risolto consensualmente il contratto che lo legava anche per il 2018 con la UAE Team Emirates.

Queste le parole del nativo di Tregnago: «Con Bruno Reverberi abbiamo trovato un accordo in pochissimo tempo: la volontà di lavorare insieme era forte e reciproca. Ringrazio lui e gli sponsor che sostengono il team, appassionati come la famiglia Bardiani e CSF, per questa nuova opportunità. elle scorse settimane ho pensato molto a quella che è stata la mia carriera finora, mi sono fatto un esame di coscienza per capire quali ambizioni coltivare in futuro. Non posso nascondere che le ultime stagioni, 2017 compreso, non siano andate come volevo. Credo di meritare il World Tour, ma per me conta di più il ruolo che mi viene affidato».

Il veneto prosegue: «Alla Bardiani CSF potrò essere un faro in molte corse. Tornare in un team Professional non è una bocciatura, ma una scelta consapevole. Troverò una struttura solida e rodata, un ambiente giovane e motivato. E poi c’è il calendario, dove potrò alternare corse di buon livello adatte alle mie caratteristiche e appuntamenti prestigiosi. La Bardiani CSF ha sempre privilegiato i giovani e la scelta di volere me, professionista da sette anni, la dice lunga sulla fiducia che ripongono. Questo mi motiva tantissimo e, al contempo, responsabilizza. Porterò la mia esperienza per vincere e aiutare i compagni a crescere”.

Queste invece le dichiarazioni dei dirigenti del team, ossia Bruno e Roberto Reverberi: «Siamo molto felici per questo ingaggio. Guardini è un velocista di grande spessore, affidabile e vincente. Era nostra intenzione inserire un nuovo sprinter per il 2018 e, non appena è emerso il suo nome, non ci abbiamo pensato due volte. Nonostante sia un corridore già affermato e maturo, riteniamo abbia il profilo giusto per inserirsi nel progetto sportivo del #GreenTeam e fare anche da chioccia ai giovani oltre che, ovviamente, vincere».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile