Davide Rebellin in maglia gialla al Tour de Banyuwangi Ijen © Twitter
Davide Rebellin in maglia gialla al Tour de Banyuwangi Ijen © Twitter

Banyuwangi Ijen, Davide Rebellin vince la generale. Ultima tappa a Moazemi

Fuga a sette nella quarta e ultima tappa del Tour de Banyuwangi Ijen. Nella Tegalsari-Banyuwangi di 98.1 km ad imporsi è stato Arvin Moazemi. L’iraniano del Pishgaman Cycling Team ha regolato il filippino Marcelo Felipe (7 Eleven-Roadbike Philippines), l’indonesiano Selamat Juangga (KFC Cycling Team), il thailandese Nawuti Liphongyun (Thailand Continental Cycling Team), lo spagnolo Edgar Nohales Nieto (7 Eleven-Roadbike Philippines), l’iraniano Ali Khademi (Pishgaman Cycling Team) e l’australiano Jay Dutton (St. George Continental Cycling Team).

Il gruppo, giunto a 28″, ha visto il malese Nur Amirul Mazuki (Terengganu Cycling Team) superare l’olandese Jos Koop (Team ProCyclingStats.com). In tale plotone era presente anche Davide Rebellin che, così, ha conquistato la classifica generale della prova indonesiana. Il leoniceno, a 46 anni suonati, torna così a conquistare una corsa a tappe UCI. Non gli capitava dal luglio 2013, quando fece suo il Sibiu Cyling Tour.

Con l’azzurro della Kuwait-Cartucho.es salgono sul podio l’iraniano Amir Kolahdozhagh (Pishgaman Cycling Team), e il colombiano Victor Niño (Team Sapura Cycling), distanti rispettivamente 46″ e 1’43”. Seguono il francese Loïc Desriac (Bikelife Dong Nai) a 1’55”, l’iraniano Hosseini Reza (Pishgaman Cycling Team) a 2′, gli australiani Jai Crawford (Kinan Cycling Team) a 2’49” e Drew Morey (Terengganu Cycling Team) a 3’19” e il laotiano Ariya Phounsavath (Thailand Continental Cycling Team) a 4’02”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile