Rocchetti nell'edizione 2017 del Gp Sudkarnten © Riccardo Scanferla - Photors.it
Rocchetti nell'edizione 2017 del Gp Sudkarnten © Riccardo Scanferla - Photors.it

Filippo Rocchetti ritorna in Zalf. Il punto sugli esodati E-Powers

La vicenda E-Powers continua a lasciare strascichi a quasi due mesi dalla notizia del fallimento del progetto: per fortuna, le notizie degli ultimi giorni sono positive: troppi i ragazzi di buone qualità che rischiavano di interrompere la loro carriera sul più bello, per colpa di chi aveva scelto e sostenuto un progetto troppo fumoso e azzardato.

La principale notizia odierna è il ritorno di Filippo Rocchetti in casa Zalf Euromobil Desirée Fior: era pronosticabile che la compagine castellana, con un organico così ridotto, potesse essere tentata dal rilanciare uno dei suoi elementi. Il maceratese, che ha corso già in Zalf dal 2015 al 2017, sarà dunque il quattordicesimo elemento della rosa.

Rocchetti si aggiunge ad una lista di atleti che, bene o male, è riuscita ad assicurarsi un contratto per il 2020 nonostante il fallimento del progetto: il primo è stato Manuel Allori il quale, già dopo i primi segnali di disgregamento, si era assicurato un accordo con la Maltinti Lampadari. Hanno fatto seguito Filippo Magli, rientrato alla Mastromarco, e Darwin Atapuma, che proseguirà in patria con la Colombia Tierra de Atletas, nuova formazione Continental.

Per altri tre, tra i giovani più talentuosi, non si hanno notizie ufficiali, ma qualche indizio confortante: il protagonista della nazionale under 23 Gregorio Ferri è stato segnalato su Strava in allenamento con gli uomini della Beltrami-Marchiol, che proprio nelle ultime settimane ha dovuto affrontare la tegola del ritiro di uno dei più importanti acquisti, Marco Landi, per ragioni di salute. Il cronoman Paolo Baccio e l’empolese Michele Corradini dovrebbero ritrovare spazio tra i dilettanti, le indiscrezioni vogliono Baccio verso una formazione lombarda e Corradini come rientrante in Toscana.

Davide Rebellin non ha la minima intenzione di fermarsi e riceve offerte da Continental esotiche, le ultime voci volevano la neonata Cambodia Cycling Academy sulle sue tracce, ma ormai è passato un mese e l’organico della compagine franco-asiatica pare completato con l’innesto del russo Roman Maikin.

Tre finora gli atleti che hanno ufficialmente gettato la spugna: a Jalel Duranti, che a novembre si è già concentrato sulla ricerca del lavoro, è seguito l’annuncio a inizio dicembre dell’abruzzese Andrea Cacciotti, corridore apparso in diverse occasioni anche nella passata stagione come talentuoso, il quale purtroppo ha dovuto arrendersi alla malasorte. Oggi a loro si è aggiunto il veronese Nicola Toffali, che a 27 anni è stato costretto suo mlagrado a dire basta.

Del duo proveniente dalla Giotti Victoria Riccardo Stacchiotti e Federico Zurlo si sa solo che la loro precedente squadra non può reintegrarli. Nessuna notizia su Andrea Toniatti, Xhuliano Kamberaj e sugli ungheresi Gegerly Szarka, Daniel Dina, Viktor Filutas Janos Pelikán, che verranno verosimilmente riassorbiti nei team locali; l’unico magiaro il cui futuro è già noto è Balazs Rozsa, che militerà con la Continental rumena Team Novak.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile