Alessandro Fedeli vittorioso nell'ultima tappa del Tour du Limousin 2020 © Zoé Soullard
Alessandro Fedeli vittorioso nell'ultima tappa del Tour du Limousin 2020 © Zoé Soullard

Il Tour du Limousin parla italiano: ultima tappa a Fedeli, corsa a Wackermann

È una festa tutta italiana quella che si è celebrata oggi al Tour du Limousin: ad imporsi nell’ultima tappa è stato il 24enne veronese Alessandro Fedeli (Nippo Delko), in classifica generale invece ad esultare è stato il 28enne milanese Luca Wackermann (Vini Zabù) in un finale tutto giocatosi sul filo dei secondi.

La giornata non era iniziata bene per Luca Wackermann perché dopo soli 19 chilometri aveva dovuto guardare il britannico Jake Stewart (Groupama) vincere il primo traguardo volante ad abbuoni: in questo modo la differenza tra i due in classifica generale si era ridotta ad appena 2″, mentre anche Rui Costa aveva guadagnato un secondo portandosi a 15″ di distacco. Superato lo sprint intermedio, il plotone ha lasciato spazio ad una fuga di cinque corridori che è stata annullata ai meno 10 chilometri con il francese Alexis Gougeard (AG2R) come ultimo ad arrendersi.

Proprio mentre veniva annullata la fuga, dal plotone c’è stato l’attacco di Rui Costa e Alessandro Fedeli sull’ultimo strappo: il portoghese della UAE ha tirato a tutta con l’obiettivo della generale, il corridore veronese invece ha dato solo pochi cambi perché aveva come unico obiettivo quello della vittoria di tappa. I due hanno preso fino a 20″ di vantaggio perché da dietro né Vini Zabù, né Groupama-FDJ avevano le forze per tirare: ci hanno pensato quindi Arkéa e Sunweb che però non sono riuscite a chiudere il buco.

La volata a due non ha avuto storia con Alessandro Fedeli che è andato a conquistarsi la sua prima vittoria di questo 2020 e la terza da professionista: così facendo ha tolto anche 4″ di abbuono a Rui Costa che sarebbero potuti essere decisivi in ottica classifica generale perché nel frattempo il plotone si era notevolmente avvicinato ai primi due. Il ritardo degli inseguitori al traguardo è stato di 5″ e la volata per la terza posizione se l’è aggiudicata lo svizzero Joel Suter e non il britannico Stewart (solo 7°), con il nostro Luca Wackermann che ha potuto quindi tirare un sospiro di sollievo. Da segnalare anche l’ottavo posto al traguardo di Luca Mozzato.

La classifica generale si è conclusa con Wackermann in prima posizione, Jake Stewart in seconda a soli 2″ e Rui Costa in terza a 4″: tutto è rimasto apertissimo fino all’ultimo metro, ma dopo tanta sfortuna nelle passate stagioni per una volta al corridore della Vini Zabù-KTM è girato tutto bene e ha potuto festeggiare il successo.

Informazioni su attività di comparazione dei siti scommesse e casino PayPal più affidabili.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile