Il logo dell'UCI
Il logo dell'UCI

Il protocollo anti-Covid dell’UCI per i Grandi Giri: test di conferma e positivi isolati

L’Unione Ciclistica Internazionale ha annunciato oggi alcune modifiche al proprio protocollo sanitario anti-Covid studiate appositamente per i Grandi Giri e quindi per il Tour de France che sta per iniziare. Le novità introdotte dall’UCI, dopo un confronto con i rappresentanti delle squadre, riguardano soprattutto la gestione dei casi di positività al Covid-19 durante la corsa:
– In caso di una positività al Covid-19 durante un Grande Giro, l’organizzazione dovrà fare tutto il possibile – ma senza essere responsabile – per procedere a test complementari e analisi sierologiche prima della tappa successiva. Questi esami complementari saranno un utile elemento aggiuntivo per stabilire il quadro clinico, e renderanno possibile valutare se il corridore in questione (o il membro dello staff) sia contagioso oppure no.
– Un corridore o il membro dello staff di una squadra che ha ricevuto conferma di una positività al Covid-19 durante la corsa, sarà immediatamente messo in isolamento e lascerà subito la corsa. Come misura cautelare, questo si applicherà anche nel caso in cui non sia possibile svolgere in tempo esami complementari e la valutazione completa del quadro clinico.
– Nel caso di due o più corridori della stessa squadra positivi al Covid-19 nell’arco di 7 giorni, l’UCI darà agli organizzatori della corsa la possibilità di annunciare il ritiro dell’intera squadra per ragioni sanitarie, a condizioni che gli esami aggiuntivi confermino la reale positività dei casi.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile