Roniel Campos riprende la maglia gialla
Roniel Campos riprende la maglia gialla

Assolo strepitoso di Roniel Campos nella 5a tappa della Vuelta al Táchira; Sevilla a quattro minuti

È durato appena un giorno il primo posto in classifica generale di Oscar Sevilla che oggi nella quinta tappa della Vuelta al Táchira si è dovuto inchinare allo strapotere di Roniel Campos e della sua squadra, il Team Atletico Venezuela. La tappa, che con i suoi 147.5 chilometri era la più lunga di questa edizione, è scattata con circa 40 minuti di ritardo per problemi di traffico nella località di partenza di La Pedrera: la prima metà del percorso era prevalentemente pianeggiante ed è stata caratterizzata da una fuga di 11 corridori tra cui Tagliani e Restrepo per l’Androni, e Zaccanti e Cañaveral per la Bardiani.

Il gruppo di testa ha preso poco più di tre minuti di vantaggio, ma quando la strada ha iniziato a salire per il primo dei tre gran premi della montagna di giornata la situazione è cambiata radicalmente. Complice anche un problema meccanico a Oscar Sevilla, a poco meno di 70 chilometri è arrivato l’attacco deciso del Team Atletico Venezuela con Roniel Campos scortato dal 44enne Manuel Medina, tre volte campione della Vuelta al Táchira. I due hanno trovato per strada anche un altro compagno di squadra, Jorge Abreu: si è formato così un trenino che ha spinto a tutta per svariati chilometri, guadagnando costantemente terreno sugli inseguitori.

Negli ultimi chilometri Roniel Campos ha fatto tutto da solo e si è lanciato in un’impresa vera e propria che ha un gusto quasi da ko, sebbene domani e dopodomani siano in programma due arrivi in salita. I tifosi al traguardo di Pregonero hanno dovuto aspettare la bellezza di 3’51” per vedere il secondo corridore tagliare la linea d’arrivo: si è trattato del colombiano dell’Androni Jhonatan Restrepo, seguito appena 1″ più indietro dal suo giovanissimo connazionale e compagno di squadra Abner Umba, miglior giovane della corsa fin qui. Per Oscar Sevilla il distacco finale è stato di 3’54”, con Danny Osorio a 3’55”, Jimmy Briceño a 3’56”, Manuel “El Gato” Medina a 3’57” e Yorman Fuentes a 3’58”; nono posto a più di cinque minuti per Yonatan Salinas.

In classifica generale sorride ovviamente Roniel Campos che ha 2’31” di vantaggio su Oscar Sevilla e che domani avrà la possibilità di chiudere virtualmente i giochi nella tappa con arrivo in salita a Casa del Padre, un traguardo che aveva già messo nel mirino nei giorni precedenti alla partenza di questa Vuelta al Táchira.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile