Pascal Ackermann è il migliore in volata al Sibiu Tour © Focus Photo Agency
Pascal Ackermann è il migliore in volata al Sibiu Tour © Focus Photo Agency

Sibiu Tour, volata dominante per Ackermann. 3° Stacchiotti, 8° Fiorelli

La seconda tappa in linea del Sibiu Tour, partita e terminata nell’omonima città per complessivi 181.2 km, è partita con il maltempo ed è stata caratterizzata da una fuga a cinque. Presenti l’ucraino Yegor Dementyev (Team Novak), il rumeno Emil Dima (Giotti Victoria), il neerlandese Meindert Weulink (A Block CT) e i polacchi Pawel Bernas (Mazowsze Serce Polski) e Marcin Budzinski (Wibatech Merx). Il loro margine non ha mai superato i 5′, con la Bora Hansgrohe a controllare senza patemi, nonostante due passaggi a livello abbassati per il plotone.

Con Dementyev staccatosi ad una sessantina di km dal termine, i quattro superstiti sono stati riassorbiti sulle rampe dell’ultimo gpm della giornata a circa 25 km dal termine; qui la Nippo Delko Provence ha alzato l’andatura, cercando di mandare in difficoltà gli altri sprinter. In effetti il gruppo si è allungato, ma è stata la discesa a creare le fratture decisive: davanti sono rimasti in una ventina, con netta prevalenza delle maglie Bora, cui si sono poi sommati altrettanti elementi riusciti a rientrare.

Con Matteo Busato (Vini Zabù KTM) che ha provato a sorprendere tutti all’interno degli ultimi 2 km, venendo però chiuso dal lavoro della Mazowsze Serce Polski, si è così giunti alla volata tra i pochi velocisti presenti: ad imporsi in maniera estremamente facile è stato il grande favorito, ovvero sia Pascal Ackermann. Per il ventiseienne della Bora Hansgrohe si tratta della terza affermazione stagionale.

Alle spalle del tedesco si sono classificati il francese Rudy Barbier (Israel Start-Up Nation) e il marchigiano Riccardo Stacchiotti (Vini Zabù KTM) che, giova ricordarlo, è stato ad un passo dal ritiro per mancanza di offerte. Completano la top ten il rumeno Eduard Grosu (Nippo Delko Provence), il crossista ceco Adam Toupalik (Elkov-Kasper), i polacchi Patryk Stosz (Voster ATS) e Pawel Bernas (Mazowsze Serce Polski), il più che convincente neopro’ siciliano Filippo Fiorelli (Bardiani CSF Faizanè), il tedesco Lars Kulbe (Team SKS Sauerland NRW) e il ceco Petr Kelemen (CCC Development Team).

La classifica generale continua a vedere al comando l’austriaco Patrick Konrad (Bora Hansgrohe) con 3″ sul compagno di squadra e connazionale Gregor Mühlberger. Domani la giornata conclusiva prevede un doppio appuntamento: al mattino la cronoscalata di Paltinis muoverà in maniera definitiva la graduatoria, con la semitappa pomeridiana adatta alle ruote veloci.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile