Un selfie per Sylwester Janiszewski © Facebook
Un selfie per Sylwester Janiszewski © Facebook

La Polonia sorride alla Belgrade-Banjaluka: ultima tappa a Janiszewski, generale a Kaczmarek

Con una volata a ranghi compatti si è chiusa l’edizione 2020 della Belgrade-Banjaluka. La quarta frazione, la Derventa-Banjaluka di 158.3 km, ha visto la vittoria del polacco Sylwester Janiszewski: per il trentaduenne del Voster ATS Team si tratta del primo successo stagionale, il settimo in carriera nonché il primo lontano dalla propria patria.

Trovano spazio in top ten il kazako Gleb Brussenskiy (Vino Astana Motors), lo spagnolo Enrique Sanz (Equipo Kern Pharma), il venezuelano Orluis Aular (Caja Rural-Seguros RGA), i serbi Dusan Kalaba (Serbia) e Dorde Duric (Serbia), il polacco Adrian Banaszek (Mazowsze Serce Polski), il tedesco Tim Wollenberg (Maloja Pushbikers), il neerlandese André Looij (Ssios Miogee Cycling Team) e lo slovacco Juraj Bellan (Dukla Banská Bystrica).

La classifica generale conclusiva non conosce modifiche, per cui la vittoria va a Jakub Kaczmarek, portacolori della Mazowsze Serce Polski, autentico schiacciasassi del calendario esteuropeo. Sul podio assieme al polacco salgono lo spagnolo Martí Márquez (Equipo Kern Pharma) e il kazako Daniil Pronskiy (Vino Astana Motors), rispettivamente distanti 18″ e 25″. Seguono i polacchi Emanuel Piaskowy (Mazowsze Serce Polski) e Marek Rutkiewicz (Mazowsze Serce Polski) e lo spagnolo Jaime Castrillo (Equipo Kern Pharma) a 30″, lo slovacco Marek Canecky (Dukla Banská Bystrica) a 43″, lo spagnolo Xavier Cañellas (Caja Rural-Seguros RGA) a 59″, lo statunitense Corey Davis (Maloja Pushbikers) e lo spagnolo Oier Lazkano (Caja Rural-Seguros ) a 1’19”.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile