Arnaud De Lie esulta sul traguardo di La Nucía © Classica Valenciana Twitter
Professionisti

Classica Valenciana, Arnaud De Lie apre le danze

Il giovane sprinter della Lotto-Dstny apre la stagione europea con una netta vittoria in volata, battuti Biermans e Boasson Hagen. Quinto Andrea Vendrame, ottavo Alessandro Tonelli

22.01.2023 17:04

La prima gara europea di stagione vede la vittoria di Arnaud De Lie, che s’impone in volata in un gruppo di una cinquantina di unità. Il giovane sprinter della Lotto-Dstny è il più veloce nel rettilineo finale in leggera salita, battendo nettamente Jenthe Biermans (Arkéa Samsic) ed Edvald Boasson Hagen (TotalEnergies). Quarto classificato, in una volata che ha visto anche una brutta caduta di un paio di corridori, è José Joaquín Rojas (Movistar). Quinto poi Andrea Vendrame (AG2R Citroën), sesto Antonio Jesús Soto (Euskaltel-Euskadi), settimo Gotzon Martín (Euskaltel-Euskadi). Completano la top10 Alessandro Tonelli (Green Project), Victor Langellotti (Burgos-BH) e Lukas Pöstleberger (Jayco-Alula).

La corsa spagnola, che alla sua 39esima edizione torna a tutti gli effetti a far parte del calendario professionistico, si è svolta su un percorso di 190 km con partenza da Valencia ed arrivo a La Nucía, con la difficoltà altimetrica dell’Alto de Bixauca nel finale. Il canovaccio di gara procede tutto sommato piatto e con ben pochi spunti fino agli ultimi chilometri, ricchi di saliscendi, in cui ci provano prima Luois Barré (Arkéa Samsic) e poi un altro drappello animato da Jesús Herrada (Cofidis), ma le squadre dei velocisti non si fanno cogliere impreparate ed è proprio la Lotto-Soudal a lanciare al meglio la volata vincente del proprio capitano di giornata De Lie.

In precedenza, la prima giornata europea di corsa nel 2023 è stata caratterizzata da una fuga di 5 uomini tra cui gli italiani Samuele Zoccarato (Green Project-Bardiani CSF-Faizanè) e Mattia Bais (Eolo-Kometa). Il quintetto al comando, partito nelle primissime fasi di gara, ha toccato un vantaggio massimo di 3’40” dopo una trentina di chilometri. Sono stati proprio i due italiani i corridori a resistere più a lungo al ritorno del gruppo, che li ha ripresi a 28 km dalla conclusione sulle rampe dell’Alto de Bixauca. La stagione ciclistica europea è dunque ufficialmente partita, e la prossima corsa sarà il Trofeo Calvia, prima prova della Challenge Maiorca, sempre in territorio spagnolo.

Juan Pedro López prepara il ritorno
Meglio tardi che mai: la Vuelta al Táchira è di José Alarcon