Lotte Kopecky dopo il successo nell'Eliminazione ad Apeldoorn 2024
Pista

Apeldoorn, nel giorno di Lotte Kopecky sbattono sul legno Chiara Consonni e Miriam Vece

La belga conquista due titoli in venti minuti, quarto posto per la bergamasca nell'Eliminazione e per la cremasca nei 500 metri. Simone Consonni in corsa per il podio nell'Omnium

13.01.2024 20:28

Si è infranta nel breve spazio di neanche un decimo di secondo la speranza di Miriam Vece di portare a casa una medaglia ai Campionati Europei su pista 2024: dopo un'ottima qualifica chiusa al terzo posto col tempo di 33"411, la cremasca ha mancato di un soffio il bronzo nella finale dei 500 metri, dovendosi accontentare di un amaro quarto posto in 33"513. Un epilogo che ha ricordato quello di Grenchen 2023, dove l'azzurra aveva chiuso addirittura seconda le qualifiche, portando a casa ugualmente un quarto posto (ma nel 2020 e nel 2022 fu bronzo di specialità).

Davanti all'azzurra stasera si sono piazzate Katy Marchant, esperta britannica capace di conquistare la vittoria in 33"319, davanti al 33"356 della francese Taky Marie Divine Kouamé e al 33"444 della tedesca Pauline Sophie Grabosch.

Legno anche per Chiara Consonni nell'Eliminazione

Risultato opaco per Silvia Zanardi nella Corsa a punti dominata da Lotte Kopecky: la belga è andata a punti in otto dei dieci sprint previsti e ha chiuso a quota 24, precedendo la norvegese Anita Stenberg (19, per la scandinava un Europeo da protagonista) e la ceca Jarmila Machacova (18). Zanardi non è andata oltre un undicesimo posto con due punticini conquistati all'ultima volata.

In una giornata fin qui poco fortunata per i colori italiani, la nazionale di Marco Villa e Ivan Quaranta ha poi messo a referto un altro quarto posto, ottenuto da Chiara Consonni nell'Eliminazione. Una gara vinta ancora da un'irresistibile Lotte Kopecky, ridiscesa in pista appena venti minuti dopo l'oro nella Corsa a punti (complimenti a chi ha stilato il programma di Apeldoorn 2024…). La fuoriclasse fiamminga non si è scomposta e ha dominato la scena ancora una volta.

Consonni ha giocato forse l'azzardo di far corsa proprio su Kopecky quando si è giunti al momento di giocarsi le medaglie: rimaste in quattro, Chiara si è appiccicata alla ruota di Lotte la quale si era fatta un po' sfilare dalle altre due; chi avesse vinto lo sprint tra la belga e l'italiana sarebbe andata a podio, e certo non è mancato il coraggio all'azzurra (l'avesse spuntata, tolta di mezzo l'avversaria principale avrebbe potuto puntare dritta all'oro). Però Kopecky si è dimostrata insuperabile, sicché a Consonni resta il quarto posto.

Ovviamente poi Lotte ha regolato senza problemi le altre due contendenti, con la tedesca Lea Lin Teutenberg finita al secondo posto e la britannica Jessica Roberts al terzo.

Simone Consonni, il podio nell'Omnium è più che una possibilità

Partecipazione d'avanguardia per Simone Consonni nell'Omnium. Il bergamasco è terzo in classifica dopo tre prove: terzo nello Scratch alle spalle dell'olandese Yanne Dorenbos e al britannico Ethan Hayter, settimo (con 2 punti) nella Tempo Race vinta dal belga Fabio van den Bossche (24) su Dorenbos (22) e il tedesco Tim Torn Teutenberg (12), Consonni ha poi conseguito un solido quarto posto nell'Eliminazione, alle spalle di Van den Bossche, del portoghese Rui Oliveira e del polacco Alan Banaszek.

La classifica, prima della decisiva Corsa a punti, vede al comando Van den Bossche con 112 punti, seguito da Dorenbos a 110 e Consonni a 98; dietro all'azzurro Hayter e Teutenberg a 96, il danese Niklas Larsen a 92, Banaszek a 88 e Oliveira a 80.

Campionati nazionali: vincono Mason e Kay, in Belgio Cant fa quindici e forse dice basta
Neanche per Consonni senior arrivano gioie, ad Apeldoorn festeggiano Hayter e Lavreysen