I Cannondale-Drapac impegnati nell'esercizio © Czech Cycling Tour
I Cannondale-Drapac impegnati nell'esercizio © Czech Cycling Tour

Alla Cannondale-Drapac la cronosquadre del Czech Cycling Tour: leader è Bevin

Con una cronometro a squadre di 17.3 km si è aperto il Czech Cycling Tour, corsa che fino a domenica vedrà i professionisti sfidarsi nel paese mitteleuropeo. La formazione più veloce nella Frydek-Mistek è stata la Cannondale Drapac: Jack Bauer, Patrick Bevin, Sebastian Langeveld, Alan Marangoni, Ryan Mullen, Kristoffer Skjerping, Wouter Wippert e Ruben Zepuntke hanno fatto segnare un parziale di 20’05” per una media di 51.865 km/h.

Alle loro spalle, staccata di 11″, i polacchi della CCC Sprandi Polkowice (dove c’è anche Davide Rebellin) e i giovani cechi della Klein Constantia. Quarto posto 15″ gli azzurri della Lampre Merida (Davide Cimolai, Chung Kai Feng, Marko Kump, Sacha Modolo, Manuele Mori, Simone Petilli, Diego Ulissi e Xu Gang).

A seguire sono giunti a 19″ i belgi della Wallonie Bruxelles, a 24″ i polacchi della VERVA ActiveJet, a 25″ i russi della Gazprom-RusVelo, a 34″ i cechi della Whirlpool-Author, a 36″ i giovani azzurri della Unieuro Wilier (Giovanni Carboni, Alessandro Fedeli, Mattia Frapporti, Alessandro Malaguti, Matteo Malucelli, Marco Molteni, Alex Turrin e Mattia Viel) e a 37″ gli austriaci della Amplatz-BMC.

Fuori dalla top 10 gli olandesi della Metec-TKH Continental a 52″, gli austriaci del Tirol Cycling Team a 53″, i belgi della Beobank-Corendon a 1′, gli olandesi della Parkhotel Valkenburg a 1’04”, gli austriaci del Team Felbermayr-Simplon Wels a 1’05”, gli sloveni dell’Adria Mobil a 1’12”, i giapponesi dell’Aisan Racing Team a 1’20” e gli statunitensi del Team Novo Nordisk a 1’25”.

La maglia di leader viene indossata dal neozelandese Patrick Bevin. Domani prima tappa in linea da Olomuc a Unicov: 177 km mossi nella prima metà ma frazione che sarà terreno di sfida dei velocisti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini