Una foto del Team Roth © Team Roth
Una foto del Team Roth © Team Roth

Il Team Roth si concentra sui giovani e chiude la squadra Professional

Nato nel 2015 come prosecuzione della Marchiol-Emisfero il Team Roth comunica oggi di terminare la propria esperienza nel ciclismo élite ala fine di questa stagione. La formazione svizzera, da quest’anno Professional, non è riuscita a trovare un co-sponsor per continuare l’attività e per sostenere lo sponsor principale, che non avrebbe avuto la forza di sborsare il budget necessario. Proseguirà invece l’avventura dell’omonima compagine under 23 che si disimpegnerà nelle prove nazionali.

Si chiude così l’esperienza della squadra, vincitrice in quattro occasioni nel 2015 mentre quest’anno nessuna affermazione è stata portata a casa. Ben otto gli elementi italiani fra i ventitré in rosa; i capofila del team sono stati Alberto Cecchin e Andrea Pasqualon che si sono equamente divisi i successi della passata stagione. I dirigenti hanno annunciato di impegnarsi per offrire nuove opportunità ai corridori e ai dipendenti della formazione.

Con la chiusura del sodalizio, che imita quanto avvenuto per la IAM Cycling, la Svizzera non potrà contare nel 2017 su una squadra professionistica (a meno che l’ipotesi di affiliazione elvetica del Team Katusha vada a buon fine).

Archivio

La vignetta di Pellegrini