Gaviria sul podio di Tortona © Bettiniphoto
Gaviria sul podio di Tortona © Bettiniphoto

Gaviria: «Gli sportivi colombiani mi supportano»

Giro d’Italia, le dichiarazioni della 13a tappa: Bennett e Stuyven vedono il bicchiere mezzo pieno

FERNANDO GAVIRIA (Quick Step Floors):
“Ero molto indietro nei chilometri finali, sinceramente non credevo sarei riuscito a vincere. Ho voluto comunque provarci ed è andata bene, un’altra vittoria, la quarta. Lo sprint è un momento in cui ci sono sempre dei contatti tra i corridori, sono rimasto tranquillo per cercare di fare la mia volata. È bello sentire il supporto anche dei colombiani di altri sport. Non tornerò alla pista, continuerò a correre solo su strada visto che sto facendo bene. Per compensare l’Oro Olimpico mancato a Rio dovrei vincere tre Classiche Monumento e un Campionato del Mondo”.

TOM DUMOULIN (Team Sunweb):
“Dopo la cronometro, ci sono stati attacchi solo in una tappa [mercoledì]. Ieri ed oggi erano tappe da velocisti e non posso dire che in questi giorni sia aumentata la mia fiducia. Sicuramente a partire da domani e sopratutto la settimana prossima ci saranno molti altri attacchi da diversi corridori, sarà il momento della verità. La tappa di domani è piatta nella prima parte, poi gli ultimi 20 minuti andremo a tutta. La salita di Oropa si adatta bene alle mie caratteristiche.

Mi attaccheranno in molti, la squadra che temo di più è la Movistar, Nairo Quintana è lo scalatore più forte ma dovrò fare attenzione a tutti gli uomini che puntano alla Classifica Generale. Dopo la cronometro, ci sono stati attacchi solo in una tappa [mercoledì]. Ieri ed oggi erano tappe da velocisti e non posso dire che in questi giorni sia aumentata la mia fiducia. Sicuramente a partire da domani e sopratutto la settimana prossima ci saranno molti altri attacchi da diversi corridori, sarà il momento della verità. La tappa di domani è piatta nella prima parte, poi gli ultimi 20 minuti andremo a tutta. La salita di Oropa si adatta bene alle mie caratteristiche. Mi attaccheranno in molti, la squadra che temo di più è la Movistar, Nairo Quintana è lo scalatore più forte ma dovrò fare attenzione a tutti gli uomini che puntano alla Classifica Generale”

SAM BENNETT (Bora Hansgrohe):
“Come ho detto ieri, la squadra ha fatto un lavoro incredibile, anche oggi. Abbiamo corso perfettamente fino al traguardo, poi non ho capito bene cos’è successo, il vento è stato abbastanza forte ed ho perso per una bicicletta. Gaviria è venuto da dietro e non ho più potuto reagire. Sono deluso ma anche contento del secondo posto. Tuttavia, ho ottenuto il quarto podio in questa 100a edizione al Giro d’Italia, che è comunque una cosa speciale”

JASPER STUYVEN (Trek):
“Oggi Pedersen è stato davvero impressionante. Era così forte: ho visto un sacco di gente mollare dopo essere stata a lungo al vento, e lui invece continuava a tirare. Era una cosa che serviva più che altro a tenere Bauke al sicuro, ma ne ho beneficiato anch’io. Poi con 5,5 km da percorrere, alla grande rotonda, ho cominciato a correre per conto mio, e ho seguito alcune ruote. Penso che sia andata bene, ho dovuto stare un po’ al vento sul lato sinistro prima dell’ultima curva, ma credo fosse la posizione migliore per entrare. E poi sì, Gaviria era su un livello superiore. Il terzo posto non è male. Naturalmente vuoi vincere, ma se guardo nel complesso, devo comunque essere felice. Ma d’altra parte, sto ancora cercando di vincere.”

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile