Un sorridente Geraint Thomas prima del via al Giro d'Italia © Team Sky - Russ Ellis
Un sorridente Geraint Thomas prima del via al Giro d'Italia © Team Sky - Russ Ellis

Geraint Thomas ha deciso: si ritira dal Giro d’Italia

Per la quarta volta negli ultimi cinque anni, il leader designato del Team Sky al Giro d’Italia abbandona la corsa prima del suo epilogo. Nel 2013 toccò a Bradley Wiggins, nel 2015 a Richie Porte, nel 2016 a Mikel Landa e ora, nel 2017, a Geraint Thomas. La formazione britannica ha da poco annunciato che il gallese non partirà nella tappa di oggi.

L’impatto della caduta domenicale nella tappa del Blockhaus si fa sentire sul fisico del corridore, che ancora soffre soprattutto alla spalla e al ginocchio. Dopo l’eccellente secondo posto della cronometro di martedì il dolore è aumentato, non permettendo a Thomas di competere al meglio. Da qui la decisione adottata.

Il corridore ha dichiarato: «Sto soffrendo da domenica: ho un problema alla spalla che si può gestire, mentre il ginocchio mi fa male ogni giorno di più. Non è mai bello abbandonare una corsa, specialmente quando è il tuo obiettivo stagionale, ma devo allargare l’orizzonte. Mi sarebbe piaciuto continuare, ma sarebbe stata una lotta per la sopravvivenza piuttosto che una lotta per il successo. Ora rivolgo le mie attenzioni al Tour de France, dove voglio arrivare con la stessa forma che avevo qui. Ringrazio lo staff e i compagni: è stato molto divertente correre al Giro, con tifosi speciali. Ci tornerò sicuramente».

La vignetta di Pellegrini

Archivio

Versione stampabile Versione stampabile