Ana Maria Covrig si conferma campionessa di Romania
Ana Maria Covrig si conferma campionessa di Romania

Campionati Nazionali femminili: in Romania si conferma Ana Maria Covrig

Vittoria come da pronostico di Ana Maria Covrig nella prova su strada del Campionato Nazionale di Romania: dal 2015, da quando sportivamente ha cambiato nazionalità passando da italiana a romena, la 22enne della Top Girls-Fassa Bortolo ha vinto tutti i titoli su strada e cronometro e anche stavolta non ha fatto eccezione. Ana Maria Covrig ha rifilato addirittura 25’36” alla seconda classificata, Miriam Stan; purtroppo in gara c’è stata anche la brutta caduta di Daniela Dumitru (Giusfredi-Bianchi) che è stata in ospedale dove le è stata riscontrata la frattura del bacino.

Giornata di prova su strada anche in Kazakistan dove dopo due successi di fila si è interrotto il regno di Natalya Saifutdinova: ad imporsi è comunque un’atleta dell’Astana Women’s Team, la 20enne Tatiana Geneleva che è arrivata al traguardo con 13″ di vantaggio su Faina Potapova, Amiliya Iskakova, Natalya Saifutdinova e Natalya Sokovnina.

In altri paesi invece spazio ancora alle prove a cronometro. In Russia a trionfare è stata la 20enne Kseniia Tsymbalyuk con 29″ di vantaggio su Anastasiia Pliaskina e 42″ su Margarita Syrodoeva, atleta della BePink: podio giovanissimo con età media attorno ai 21 anni. In Lituania invece, in assenza delle atlete migliori, è riuscita ad ottenere il successo Ernesta Strainyte che ha avuto la meglio su una concorrenza non all’altezza della storia ciclistica del paese.

Tutto secondo pronostico invece in Giappone, Ungheria e Austria. Nel paese asiatico è arrivato il terzo titolo consecutivo a cronometro per Eri Yonamine (FDJ) che ha rifilato ben 1’31” alla promettente Yumi Kajihara, seconda anche l’anno scorso. In Austria invece Martina Ritter (Drops) è imbattuta nelle prove contro il tempo dal 2013: sono cinque titoli di fila per lei che ha battuto abbastanza agevolmente Manuel Hart e Astrid Magnet. La Michela Fanini invece vince in Ungheria con la 33enne Monika Kiraly: per lei secondo titolo a cronometro di fila. Breve citazione anche per l’Eritrea dove, sempre a cronometro, ha vinto Mossana Debesay: i fratelli Mekseb e Yacob hanno vinto le gare maschili élite e juniores.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile