Alexander Kristoff vince la RideLondon 2017
Alexander Kristoff vince la RideLondon 2017

Chi si rivede! Kristoff vince la RideLondon. Trentin grande spettacolo

Epilogo in volata e vittoria per Alexander Kristoff alla Prudential Ride London 2017. La gara che caratterizza l’estate londinese (e che coinvolge pedalatori di tutte le età, suddivisi ovviamente in distinte categorie) premia il norvegese della Katusha-Alpecin, il quale è reduce da un Tour de France abbastanza disastroso e vive un momento professionale non felicissimo, eppure dimostra di non aver perso lo spunto, andando a mettere nel palmarès un’altra corsa interessante, dopo il GP di Francoforte conquistato due mesi fa, sua ultima vittoria stagionale fino a oggi.

Kristoff ha preceduto Magnus Cort Nielsen (Orica-Scott), Michael Matthews (Sunweb), Sep Vanmarcke e Wouter Wippert (entrambi della Cannondale-Drapac), Jempy Drucker (BMC), Zakkari Dempster (Israel Cycling Academy), Dam Bennett (Bora-Hansgrohe), Rudy Barbier e Oliver Naesen (AG2R La Mondiale). Nessun italiano nei primi 10.

Lo sprint ha avuto luogo dopo che solo al triangolo rosso dell’ultimo chilometro era stata annullata un’azione emozionante che aveva avuto per protagonisti Matteo Trentin e Jasper Stuyven, rimasti al comando della corsa per tutto il finale, gestendo un vantaggio minimo sul gruppo lanciato al loro inseguimento.

Proprio Trentin aveva acceso la corsa dopo che (sotto il controllo Sky) la fuga di comprimari partita al mattino era stata annullata piuttosto presto; il trentino della Quick-Step Floors ha portato via un gruppetto a 68 km dalla fine. Con lui sulle prime c’erano Daryl Impey (Orica-Scott) e Peter Kennaugh (Sky), poi da un secondo drappello è emerso Jasper Stuyven (Trek-Segafredo), mentre Kennaugh ha perso contatto; il nuovo terzetto è rimasto al comando con poche decine di secondi sul gruppo fino ai -15, quando Impey si è rialzato. Il sudafricano pensava probabilmente che l’azione sarebbe finita di lì a poco, e invece Trentin e Stuyven hanno insistito fino a spendere l’ultima goccia di energia, arrivando così a un passo dall’obiettivo.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile