John Murphy (Holowesko-Citadel) vince la quarta tappa del Tour of Utah 2017 © Twitter
John Murphy (Holowesko-Citadel) vince la quarta tappa del Tour of Utah 2017 © Twitter

Volata al Tour of Utah, John Murphy vince netto. Quinto Paolo Simion, ottavo Marco Canola

Epilogo in volata nella quarta tappa del Tour of Utah 2017, con partenza e arrivo a South Jordan City (201 km), e vittoria per John Murphy: lo statunitense della Holowesko-Citadel, autore di un 100 metri finale straordinario, ha preceduto nettamente il messicano José Alfredo Rodríguez (Elevate-KHS) e l’estone Mihkel Räim (Israel Cycling Academy); a seguire si sono piazzati Colin Joyce (Rally Cycling) e, al quinto posto, Paolo Simion (Bardiani-CSF). Poi ancora troviamo Travis McCabe (UnitedHealthCare), che aveva lanciato una volata molto lunga ma è inesorabilmente rimbalzato negli ultimi metri; Alfredo Castillo (Jelly Belly); Marco Canola, ottavo dopo che il suo treno Nippo-Vini Fantini ha molto lavorato nel finale; Pier-André Coté (Silber Pro Cycling); e Fabio Calabria (Novo Nordisk), decimo.

La classifica resta invariata, col canadese Rob Britton (Rally) primo con 26″ su Gavin Mannion (UnitedHealthCare), 28″ su Serghei Tvetcov (Jelly Belly), 34″ su Kyle Murphy (Cylance), 38″ su Neilson Powless (Axeon Hagens Berman) e 44″ su Brent Bookwalter (BMC); primo italiano sempre Pierpaolo Ficara (Amore&Vita-Selle SMP), 13esimo a 1’13”.

Da segnalare nel corso della tappa una lunga fuga a due con Lorenzo Rota (Bardiani-CSF) e Gonzalo Serrano (Caja Rural-Seguros RGA), ripresi dal gruppo a soli 10 chilometri dalla fine: il plotone (favorito dagli ampi stradoni del finale) ha dovuto metterci un certo impegno per annullare l’azione dei due, sicuramente un bel modo per il giovane italiano di mettersi in evidenza (tra l’altro è stato poi premiato come “most aggressive rider” della tappa).

Domani la quinta tappa del Tour of Utah sarà la Layton-Bountyful di 185.4 km, e si prevede negli ultimi chilometri una doppia scalata alla salita che sta a monte della località d’arrivo. Sarà una delle frazioni destinate a “fare” la classifica.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile