Il podio dell'Inseguimento individuale femminile ai Mondiali juniores su pista © UCI
Il podio dell'Inseguimento individuale femminile ai Mondiali juniores su pista © UCI

Mondiali juniores, nella penultima giornata altre tre medaglie per l’Italia

La penultima giornata dei Campionati mondiali juniores su pista in corso di svolgimento a Montichiari ha sorriso all’Italia. Al Velodromo Fassa Bortolo sono infatti tre le medaglie conquistate dai rappresentati azzurri, tutte provenienti dal settore femminile. Nella Corsa a punti Chiara Consonni ha conquistato una pesante medaglia di bronzo perché sperata ma non del tutto attesa; la bergamasca è stata molto attenta in una gara combattuta dove, con altre cinque colleghe, ha conquistato un giro di vantaggio.

Se la corsa all’oro è stata semplice per la canadese Maggie Coles-Lyster, vincitrice di quattro dei primi cinque sprint (l’unico “mancante” è merito di Consonni), le altre quattro atlete si sono sfidate colpo su colpo. L’argento è quindi andato alla russa Marii Novolodskaya con 29 punti, medesimo bottino di Chiara Consonni. L’azzurra ha però tagliato il traguardo in quinta posizione, contro il terzo dell’avversaria che quindi le andata davanti nell’ordine d’arrivo.

Le altre due medaglie sono state conquistate nell’Inseguimento individuale. La finale fra Letizia Paternoster e la neozelandese Ellessee Andrews è stata tiratissima, con quest’ultima, capace di far siglare in mattinata il record del mondo della categoria, che ha vinto con il tempo di 2’19″038. Paternoster, già vincitrice di due ori in questa rassegna, ha concluso con 2’19″641, conquistando una bella medaglia d’argento. Bronzo invece per Elena Pirrone che nella finalina ha avuto facilmente la meglio sull’altra all black Nicole Shields.

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile