Miguel Indurain con la Maglia Rosa al Giro d'Italia 1992 © Bettiniphoto
Miguel Indurain con la Maglia Rosa al Giro d'Italia 1992 © Bettiniphoto

Per i prossimi quattro anni Castelli produrrà le maglie del Giro d’Italia

A partire dalla prossima edizione, la Maglia Rosa e le altre divise simboliche del Giro d’Italia saranno prodotte da Castelli. Per il periodo 2018-2021 l’azienda veneta ha siglato un accordo con RCS Sport per produrre le Maglie Rosa, Ciclamino, Azzurra e Bianca che ogni giorno contraddistingueranno il leader della classifica generale, di quella a punti, di quella degli scalatori e dei giovani. La presenza alla Corsa Rosa non è nuova per Castelli che, tra gli anni ottanta e novanta, ha vestito tanti campioni che hanno vinto il Giro d’Italia. L’ultima volta fu nel 1992 con Miguel Indurain trionfatore a Milano.

Il direttore commerciale di RCS Sport Matteo Mursia ha affermato: «È un vero piacere poter annunciare il ritorno di un marchio prestigioso e di caratura internazionale come Castelli nella famiglia del Giro d’Italia. Un’azienda storica eppure in continuo sviluppo, che ritorna a produrre le maglie dei leader del Giro dopo l’esperienza a cavallo tra gli anni ’80 e ’90. Siamo certi che questa partnership risulterà importante e proficua per entrambe le realtà, sia in termini di marketing che di ritorno economico».

Il brand manager di Castelli Steve Smith ha aggiunto: «Siamo davvero orgogliosi di aver riportato lo Scorpione sulle strade del Giro d’Italia. Per un’azienda italiana, essere partner di RCS Sport nella ‘Corsa più dura del Mondo nel Paese più bello del Mondo’ non può che riempirci di gioia. Inoltre, ci dà la possibilità di conferire il giusto lustro ad un’azienda italiana ad oggi sinonimo di eccellenza nel mondo dell’abbigliamento per ciclismo»

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile