Arnaud Démare vince a Bruxelles © Brussels Cycling Classic
Arnaud Démare vince a Bruxelles © Brussels Cycling Classic

Arnaud Démare vince la Brussels Cycling Classic; quattro italiani nei dieci

Ci era andato vicino nel 2014 con un terzo posto e poi ancora l’anno scorso con una seconda posizione, ma stavolta Arnaud Démare è finalmente riuscito a vincere la Brussels Cycling Classic: dopo il Tour de France il velocista della FDJ non aveva brillato particolarmente, ma era comunque stato secondo nella EuroEyes Cyclassics di Amburgo; nonostante il piazzamento, i tecnici della nazionale francese lo avevano escluso dalla selezione per i prossimi Campionati del Mondo di Bergen.

La corsa di oggi è stata molto combattuta e diversi corridori hanno provato ad evitare quello che sembrava essere uno scontato arrivo in volata. Inizialmente c’è stata una fuga di cinque corridori a cui se ne sono aggiunti altri 10 a circa 75 chilometri dall’arrivo: mentre si ritiravano dalla corsa Kittel e Bouhanni, davanti è iniziata una bella lotta tra gli attaccanti ed il gruppo che è rimasto a lungo sotto al minuto di ritardo senza riuscire ad avvicinarsi.

A meno di 10 km dall’arrivo, con il plotone ormai a soli 15″, l’austriaco Matthias Brändle ha attaccato dalla fuga ma alla fine non ha avuto fortuna: il gruppo ha ripreso anche lui agli ultimi 1500 metri ed è stata quindi volata. Nello sprint Arnaud Démare è partito lungo e si è difeso dal tentativo di rimonta dello sloveno Marko Kump (UAE Team Emirates) che ha chiuso secondo anticipando André Greipel (Lotto Soudal).

I belgi Kenny Dehaes, Jasper Stuyven e Jasper De Buyst hanno occupato le posizioni dalla quarta alla sesta seguiti da quattro corridori italiani: un fila all’altro si sono piazzati infatti Riccardo Minali (Astana Pro Team), Marco Canola (Nippo-Vini Fantini), Manuel Belletti (Wilier Triestina-Selle Italia) e Davide Martinelli (Quick-Step Floors).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile