Christophe Riblon esulta per la vittoria sull'Alpe d'Huez al Tour de France 2013 © AP Photo - Peter Dejong
Christophe Riblon esulta per la vittoria sull'Alpe d'Huez al Tour de France 2013 © AP Photo - Peter Dejong

L’esperto francese Christophe Riblon annuncia il ritiro

Da quando è passato professionista, nell’ormai lontano 2005, Christophe Riblon ha sempre militato in maglia AG2R La Mondiale. Della compagine savoiarda è stato uno degli atleti di punta, raccogliendo nel 2013 uno storico successo: fu lui a imporsi sull’Alpe d’Huez, nel Tour de France numero 100, venendo inoltre premiato come supercombattivo dell’edizione. Già nel 2010 vinse alla Grande Boucle una tappa di montagna, ossia quella di Ax 3 Domaines.

Da allora, complice anche l’età non più verdissima, un declino nelle prestazioni e la decisione della dirigenza di non rinnovarli più il contratto. Alla soglia dei trentasette anni, il nativo dell’hinterland parigino ha deciso per il ritiro dall’attività agonistica. La sua carriera si chiude con sette vittorie su strada e diverse soddisfazioni su pista, come il doppio argento mondiale nella corsa a punti e nella Madison.

In merito all’addio, Riblon si è così espresso sulle pagine del Courrier Picard: «Bisogna saper voltar pagina. Speravo di poter continuare, ma in cuor mio sapevo che quale sarebbe stato il destino dal momento in cui, a giugno, la squadra mi aveva annunciato il mancato rinnovo. Ho avuto qualche contatto con altri team, ma senza reali proposte. Ho inoltre chiesto a Vincent Lavenu se la sua era una scelta definitiva, e me l’ha confermato: è una decisione che accetto senza alcuna amarezza e che comprendo perfettamente»

 

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile