Julián Arredondo esulta al Giro d'Italia 2014 © Gian Mattia D'Alberto - Lapresse
Julián Arredondo esulta al Giro d'Italia 2014 © Gian Mattia D'Alberto - Lapresse

Operazione riuscita per Julián Arredondo, che ora punta a tornare al suo livello

Dopo un’annata terribile, nella quale ha corso solo fino a marzo, per Julián Arredondo è finalmente giunta una buona notizia: allo scalatore colombiano, vincitore nel 2014 di una tappa e della maglia azzurra al Giro d’Italia, è stato diagnosticato il problema che gli ha impedito di essere competitivo e che lo ha tenuto ai box così a lungo.

Lo spiega, al quotidiano El Colombiano, lo stesso atleta della Nippo-Vini Fantini: «Dalla sera alla mattina ho avuto questo problema. C’era addirittura chi mi imputava che la causa fosse mentale, però, come si è visto, non era così. Soffro di una sindrome del piramidale, una contrattura che comprime il nervo sciatico e che mi ha ridotto di molto la forza agli arti inferiori. Per questo non ero capace di pedalare: la gamba destra era di fatto inutilizzabile e il dolore si propagava fino alla schiena. Ho girato Italia, Spagna e Stati Uniti da osteopati, biomeccanici e fisioterapisti. E nessuno ha saputo darmi una risposta. Fortunatamente ho incontrato qui in Colombia il dottor Luis Eduardo Contreras, che mi ha diagnosticato il problema».

Martedì scorso il ventinovenne è stato quindi operato e l’intervento è andato per il meglio. Sempre Arredondo, il cui contratto non è stato rinnovato dalla compagine italo-giapponese, aggiunge: «Non riuscire a terminare le gare mi ha fatto pensare al ritiro. Ora, però, sono felice». I tempi di recupero per questo infortunio sono però lunghi, dato che dovrà star fermo per cinque mesi, almeno due dei quali a riposo completo in casa. Con la speranza, poi, di poter tornare al proprio livello.

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile