Splendida vittoria per distacco di Jelle Wallays alla Vuelta a San Juan

Il 28enne belga Jelle Wallays ha vinto la sesta tappa della Vuelta a San Juan con una fuga da lontano coronata da un’esaltante azione solitaria negli ultimi chilometri: per il corridore della Lotto Soudal, che l’anno scorso aveva concluso la Vuelta con fratture ad un polso e alle costole, si tratta della prima vittoria a distanza di un anno e mezzo dall’ultimo successo da professionista ottenuto al GP Cerami 2016.

La tappa è stata caratterizzata da un’andatura molto elevata, sia per il vento favorevole alla marcia del gruppo, sia perché nelle prime battute si è formata una fuga di ben 17 corridori in cui era entrato anche Fausto Masnada, 13° in classifica generale a 4’05” da Najar. Oltre al corridore dell’Androni davanti c’erano anche Mattia Bais (Italia) ed Eugenio Alafaci (Trek) oltre a corridori come Iljo Keisse, Jelle Wallays, Eduardo Sepúlveda ed i sempre pericolosi atleti sudamericani.

Il vantaggio massimo di questo numeroso gruppo di battistrada non ha raggiunto i tre minuti e nella seconda parte di tappa ha inesorabilmente perso secondo dopo secondo. Davanti comunque non si mai dati per vinti anche quando il plotone si era riavvicinato a meno di 30″ di distanza: a circa 6 chilometri dall’arrivo, quando il ricongiungimento sembrava ormai prossimo, Jelle Wallays è scattato tutto solo e si è involato verso una spettacolare vittoria.

A soli 2″ è arrivato il gruppetto degli ex compagni di fuga di Wallays con il colombiano Robigzon Oyola in seconda posizione e Travis McCabe in terza; i tre italiani all’attacco hanno chiuso tutti in top10, Alafaci ottavo, Masnada nono e Bais decimo. Il gruppo principale è arrivato a pochi secondi (dodici per la precisione) ed il leader Gonzalo Najar (Sep San Juan) ha preso un piccolo buco di 11″ che comunque non fa cambiare particolarmente la classifica generale: Sevilla è secondo a 51″ e Ganna terzo a 1’11” quanto al termine della Vuelta a San Juan manca solo più una tappa pianeggiante e adatta ai velocisti.

Ciclismo in Tv

Non ci sono eventi imminenti.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile Versione stampabile