Hermans in azione al Giro del Belgio © Ccp
Hermans in azione al Giro del Belgio © Ccp

Oberosterreich a Rabitsch per la terza volta di fila. Doppietta Telenet nell’ultima tappa, terzo Onesti

Finale tormentato per l’Oberrostereich Rundfahrt: la quarta tappa da Traun a Ternberg, con diverse asperità e un circuito finale movimentato, ha visto trionfare la Telenet Fidea Lions, la più popolare squadra di ciclocross belga, con Quinten Hermans, al primo successo su strada da élite. Il 23enne è stato all’attacco sin dall’inizio, in fuga con Andreas Graf (Hrinkow Advarics), Christian Mager (Hermann Radteam) e l’abruzzese Ivan Martinelli, della D’Amico Utensilnord, con all’inseguimento il gruppo del leader Stephan Rabitsch (Felbermayr Simplon Wels) già ridotto a 25 unità all’ingresso del circuito finale. Hermans è stato l’unico dei fuggitivi a resistere sin all’ultimo giro: il successo Telenet è completato dalla doppietta realizzata col secondo posto del vincitore della Coppa del Mondo 2014 di Ciclocross Lars Van Der Haar, il quale a 4″  ha preceduto Emanuele Onesti (D’Amico – Utensilnord), Matthias Kriziek (Team Felbermayr), Daniel Savini (Bardiani Csf) e  Davide Orrico (Team Voralberg).

Al decimo posto un altro atleta della D’Amico-Utensilnord, Ettore Carlini, appena dietro il leader Rabitsch, che sigla così una splendida tripletta confermando i successi 2016 e 2017 (ed è anche la terza corsa a tappe stagionale, dopo il Rhone-Alpes-Isère Tour e la Paris-Arras). Conferma sul podio finale per il compagno di Rabitsch Riccardo Zoidl a 22″ e per lo svizzero Patrick Schelling (Voralberg-Santic) a 26″, così come i piazzamenti in top ten di Carlini (ottavo a 1’20”), Orrico  (nono a 2’10”) e Daniel  Savini (decimo a 2’13”) il quale si fregia anche del titolo di miglior under 23.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile