Ana Maria Covrig con il tricolore di campionessa rumena © Instagram
Ana Maria Covrig con il tricolore di campionessa rumena © Instagram

Campionati nazionali, Covrig per dispersione in Romania. Maine in Canada, titoli nella ex Cecoslovacchia e Venezuela

Era la più forte (e di gran lunga) delle cinque partenti e, come da previsioni, Ana Maria Covrig ha dominato la prova in linea del campionato nazionale. In Romania, sui 120 km di Agnita, la ventitreenne della Eurotarget-Bianchi-Vitasana ha fatto la voce grossa. Con lei sul podio, a oltre 24′ di distanza, Miriam Stan e Ana Maria Coteata.

Come di consueto, Repubblica Ceca e Slovacchia organizzano i campionati nazionali in contemporanea, con gara unica e classifiche separate. Quest’anno si è gareggiato nella boema Plzen, in un percorso non semplicissimo e sulla distanza di soli 80 km. Per quanto riguarda la Repubblica Ceca, lo sprint a due ha premiato Jarmila Machacová: la pistard del Team Dukla Praha ha preceduto la campionessa uscente Nikola Nosková (BePink). Terza a 1’25” Melissa Van Neck (Team Dukla Praha).

Vittoria agevole in Slovacchia per Tereza Medvedová, al primo titolo nazionale in linea. La ventiduenne della BePink è giunta sul traguardo con 4’29” di margine su Tatiana Jaseková e 4’36” su Alizabeta Baciková, che altri non è che la campionessa uscente (fino al 2017 utilizzava come cognome Pavlendová).

Volata a due invece in Canada: a prevalere è stata Katherine Maine, interessante ventenne della Rally Cycling. A Saguenay, sui 120.8 km di gara, la battuta risponde al nome di Kimberlay Gibson. Terza piazza a 31″ per Sara Bergen, che completa così la festa in casa Rally Cycling.

Rimanendo nelle Americhe, si è corso anche in Venezuela. Sugli 84.7 km di Barquisimeto vittoria per Yngrid Porras, atleta attiva nella MTB, che ha superato per 2″ Wilmary Moreno e di 7″ Maria Elena Briceño.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile