Il podio del GP Cerami 2018 © Wanty-Groupe Gobert
Il podio del GP Cerami 2018 © Wanty-Groupe Gobert

Peter Kennaugh dà spettacolo e conquista il GP Cerami 2018. 9° Giacomo Nizzolo

Mentre i suoi ex compagni della Sky stanno dominando la Grande Boucle, Peter Kennaugh, da quest’anno alfiere della Bora-Hansgrohe, mette a ferro e fuoco le strade su cui si snoda il Grand Prix Pino Cerami, classica belga ormai ultracinquantenne (la prima edizione, infatti, risale al 1964), e conquista, in grande stile, la corsa che porta il nome del siciliano, naturalizzato belga, vincitore della Parigi-Roubaix del 1960.

In una giornata da tregenda Kennaugh si è mosso, per la prima volta, a oltre 150 km dal traguardo; con l’andare dei km, poi, in testa si è formato un gruppetto comprendente 11 corridori. Il plotoncino è riuscito a resistere a lungo al ritorno del gruppo e a 3 km dalla fine aveva ancora 18″ di vantaggio sui primi inseguitori. A questo punto il britannico ha fatto la sua mossa, piazzando un allungo che ha sorpreso i rivali e che gli ha concesso di giungere al traguardo a braccia alzate dopo una gara corsa da assoluto protagonista.

Completano la top-10, alle spalle del corridore della Bora, nell’ordine: Jérôme Baugnies (Wanty-Groupe Gobert), Benjamin Declercq (Sport Vlaanderen-Baloise), Aleksejs Saramontis (Bora-Hansgrohe), Jempy Drucker (BMC Racing Team), Jan Bakelants (AG2R La Mondiale), Viacheslav Kuznetsov (Team Katusha-Alpecin), Jay McCarthy (Bora-Hansgrohe), Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo) e Xandro Meurisse (Wanty-Groupe Gobert).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile