Miriam Vece è la nuova campionessa europea under 23 della velocità © UEC
Miriam Vece è la nuova campionessa europea under 23 della velocità © UEC

Europei su Pista, storico oro di Miriam Vece tra le U23; e Guazzini continua a vincere

Nella quarta giornata dei Campionati Europei su Pista Juniores e Under 23 arrivano altre quattro medaglie per l’Italia che è sempre più in testa al medagliere della manifestazione. Per la squadra azzurra è una giornata per certi versi storica grazie alla medaglia d’oro conquistata da Miriam Vece nel torneo della Velocità Under 23: un risultato importante che conferma i grandi progressi della 21enne comasca. La Vece aveva fatto segnare il secondo tempo di qualificazione sui 200 metri lanciati in 11″058, ma poi è stata perfetta negli scontri diretti: in semifinale ha fatto fuori per 2-0 la campionessa del mondo del Keirin Nicky Degrendele, in finale invece ha battuto la testa di serie numero 1 Migle Marozaite.

Un oro, il terzo personale, è arrivato anche dalla toscana Vittoria Guazzini che ha trionfato nell’Omnium juniores grazie ad una Corsa a Punti finale condotta alla perfezione. Dopo le prime tre prove c’erano ben tre atlete appaiate in testa alla classifica con 106, tra cui proprio l’azzurra Guazzini che poi in gara ha fatto la differenza guadagnando un giro di vantaggio sulla concorrenza: per lei un bottino finale di 138 punti contro i 127 della belga Shari Bossuyt ed i 122 della polacca Jaskulska.

Le altre due medaglie italiane di giornata sono arrivate dal settore maschile e sono state un argento ed un bronzo. Nella Corsa a Punti Under 23 bel secondo posto di Matteo Donegà che è sempre stato nel vivo della gara con tre giri guadagnati e tre volate vinte, ma non è bastato per battere l’armeno Edgar Stepanyan: 98 punti a 92 è stato il risultato finale, con Donegà che ha scavalcato il belga Boussaer all’ultimo sprint. Nell’Omnium Juniores ha chiuso al terzo posto il giovane Tommaso Nencini che occupava la quinta posizione dopo le prime tre prove: per l’azzurro un bel recupero, grazie ad un giro guadagnato, ma il belga Fabio Van den Bossche era inarrivabile.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile