Letizia Paternoster sul podio © UEC
Letizia Paternoster sul podio © UEC

Europei su pista juniores e under 23, ancora oro per Paternoster e Vece. Argento per Capobianchi

Altra giornata felicissima per l’Italia ai Campionati europei under 23 e juniores su pista ad Aigle. Ad aprire le danze, con l’unica finale della mattinata, è stata Miriam Vece. La cremonese, reduce dalla splendida affermazione di ieri nella velocità, si è ripetuta quest’oggi nella prova a lei più affine, vale a dire i 500 metri, ovviamente nella categoria under 23: l’azzurra della Valcar PBM si è espressa in 34″073, precedendo di oltre 2 decimi la lituana Migle Marozaite e di oltre 1 secondo la britannica Millicent Tanner.

Il secondo oro di giornata è giunto grazie all’omnium under 23 femminile, con una delle stelle della spedizione azzurra. Letizia Paternoster ha fatto propria la gara multipla. Che è partita al meglio con il primo posto nello scratch, a cui hanno fatto seguito il terzo posto nella tempo race e una nuova vittoria nell’eliminazione. Nella corsa a punti la trentina dell’Astana Women’s Team ha controllato andando a bersaglio in quattro dei primi cinque sprint: la sua principale avversaria è diventata con il passare del tempo la tedesca Franziska Brausse, capace di guadagnare due giri. Alla fine, però, Paternoster ha vinto con 136 punti contro i 132 della teutonica e i 129 della britannica Megan Barker.

La terza medaglia di giornata è di argento. Ancora a livello femminile, stavolta a livello juniores e, soprattutto, ancora nel settore della velocità, non certo la punta di diamante dell’ovale azzurro. Nel keirin juniores Giada Capobianchi è stata ottima protagonista, terminando alle spalle della sola russa Yana Tyshenko. Completa il podio l’altra russa Anna Dozhdeva.

Domani l’ultima giornata con la rassegna continentale con l’Italia saldamente al comando nel medagliere: 12 ori, 5 argenti e 2 bronzi. La Russia insegue con 8 ori, 5 argenti e 7 bronzi: sono sei le gare ancora in programma ma appare difficile un riaggancio da parte degli esteuropei.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile