Tom Dumoulin impegnato a Bergen © Photonews
Tom Dumoulin impegnato a Bergen © Photonews

Annunciati i convocati dei Paesi Bassi per Innsbruck: talento a volontà in tutte le categorie

Considerando le tre principali categorie, probabilmente sono il paese con la maggior qualità in assoluto e con la possibilità di andare a medaglia in qualsiasi evento, sia esso una gara in linea o a cronometro. La federazione ciclistica dei Paesi Bassi ha annunciato stasera la composizione delle rappresentative nazionali per i Campionati del Mondo di Innsbruck.

Nella categoria élite maschile, l’uomo più atteso sarà Tom Dumoulin (Team Sunweb) che si cimenterà nella cronometro individuale da campione uscente: con lui Wilco Kelderman (Team Sunweb) e Dylan van Baarle (Team Sky). Nella prova in linea Dumoulin e Kelderman hanno altri colleghi di altissimo profilo a cominciare da Steven Kruijswijk (Team LottoNL-Jumbo), Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Wout Poels (Team Sky). Completano il roster Sam Oomen (Team Sunweb), Antwan Tolhoek (Team LottoNL-Jumbo) e Pieter Weening (Roompot-Nederlandse Loterij).

Ancora maggior qualità nella categoria élite femminile. Avendo sia la campionessa del mondo uscente Annemiek van Vleuten (Mitchelton-Scott) che quella europea Ellen van Dijk (Team Sunweb), le orange in gara nella cronometro saranno addirittura quattro: con le due sopra citate ecco Lucinda Brand (Team Sunweb) e Anna van der Breggen (Boels Dolmans). Le quattro saranno accompagnate, nella gara in linea, dalla campionessa uscente Chantal Blaak (Boels Dolmans), da Janneke Ensing (Alé Cipollini), da Amy Pieters (Boels Dolmans) e da Sabrina Stultiens (Waowdeals).

Niente male neppure tra gli under 23, con due atleti World Tour nella prova a cronometro: si tratta di Pascal Eenkhoorn (Team LottoNL-Jumbo) e Julius van den Berg (Team EF Education First-Drapac). I due saranno impegnati anche nella gara in linea assieme al trio del SEG Racing Academy composto da Thymen Arensman, Jan MaasIde Schelling.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile