Arrivo in parata per Masahiro Ishigami e Shoi Matsuda all'Oita Urban Classic © Sonoko Tanaka
Arrivo in parata per Masahiro Ishigami e Shoi Matsuda all'Oita Urban Classic © Sonoko Tanaka

Oita Urban Classic, arrivo in parata per la nazionale di casa: vince Ishigami

Ad Oita, importante centro dell’isola di Kyushu, si è svolta quest’oggi l’Oita Urban Classic, con un circuito di 10 km da ripetere 15 volte. In gara anche la Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini ma senza, diversamente dal previsto, Damiano Cima: il lombardo, infatti, è caduto ieri nella volata svoltasi nel locale criterium (non UCI) e ha riportato la frattura della clavicola sinistra.

A dominare la gara è stata la nazionale giapponese, con due atleti a tagliare assieme il traguardo finale: ad imporsi è stato Masahiro Ishigami, ventunenne che solitamente gareggia tra i dilettanti in Francia dell’AVC Aix-en-Provence. A fargli da scudiero è stato il diciannovenne Shoi Matsuda. Il podio viene completato da Takeaki Amezawa (Utsunomiya Blitzen), giunto a 11″.

Seguono, tutti a 30″, Atsushi Oka (Utsunomiya Blitzen), lo spagnolo Benjamín Prades (Team Ukyo), Kota Yokoyama (Shimano Racing Team), il francese Thomas Lebas (Kinan Cycling Team), Nariyuki Masuda (Utsunomiya Blitzen), l’australiano Michael Potter (Australian Cycling Academy) e Sho Hatsuyama (Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini).

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile