Julian Alaphilippe © Deceuninck-QuickStep
Julian Alaphilippe © Deceuninck-QuickStep

Alaphilippe e Francia al comando dell’UCI World Ranking dopo il Tour de Suisse

Come di consueto, il lunedì è la giornata per fare un punto sull’aggiornamento settimanale delle classifiche internazionale dell’UCI World Ranking dopo le ultime gare. Nulla cambia nella classifica individuale dove in testa troviamo sempre Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep) con gli stessi 3720.95 punti che aveva la settima scorsa, non avendo disputato alcuna gara dopo la conclusione del Delfinato.

Alle spalle di Alaphilippe, si invertono le posizioni dei corridori sul secondo e terzo gradino del podio: Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) e Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) non hanno partecipato al Tour de Suisse, il principale evento della settimana passata, ma il danese è retrocesso al terzo posto avendo perso i punti che aveva conquistato con il secondo posto in Svizzera l’anno scorso. Roglic è quindi a quota 3536.28 punti contro i 3116 punti di Fuglsang. Dal quarto al settimo posto posizioni invariate per Alejandro Valverde, Thibaut Pinot, Greg van Avermaet e Pascal Ackermann, mentre fa un balzo in avanti Alexander Kristoff che passa dalla casella numero 11 alla numero 8.

Per quanto riguarda i corridori italiani, il migliore è sempre Elia Viviani che nonostante le due vittorie di tappa al Tour de Suisse resta in quattordicesima posizione con 2124 punti; è ventunesimo invece Vincenzo Nibali, trentottesimo Diego Ulissi.

Nella classifica per nazioni nuovo cambio in vetta con la Francia che si riprende il primo posto a discapito dei “cugini” del Belgio: tuttavia la differenza è inferiore ai 40 punti, 13309.95 contro 13270.45. Resta ancora in quarta posizione l’Italia con 10683.27 punti, circa 1200 in meno dei Paesi Bassi che occupano il terzo gradino del podio. A seguire troviamo Spagna, Germania, Colombia, Gran Bretagna che ha guadagnato una posizione ai danni dell’Australia e quindi la Slovenia.

Visita lo store di Cicloweb!

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile