Le americane festeggiano l'oro nell'inseguimento © UCI
Le americane festeggiano l'oro nell'inseguimento © UCI

Mondiali Pista, Ori per Lavreysen (Keirin) e Stati Uniti (inseguimento a squadre Donne)

Si chiude il programma della seconda giornata dei Mondiali su Pista con due finali: nel Keirin Maschile la battaglia a spallate si conclude a favore dell’olandese Harrie Lavreysen, che già ieri aveva vinto l’oro nella velocità a squadre (terza medaglia dorata già per l’Olanda). Per il terzo anno consecutivo, un giapponese si consola con l’argento: stavolta è il turno di Yuta Wakimoto, che precede uno dei simboli della disciplina, il malese Azizulhasni Awang, per la quarta volta in carriera sul podio mondiale.

La battaglia dell’inseguimento a squadre femminile viene alla fine vinta dagli Stati Uniti, anche se Chloe Dygert, Jennifer Valente, Lily Williams ed Emma White non siglano il record del mondo che molti si attendevano: si fermano al comunque considerevole tempo di 4’11″235, mentre la Gran Bretagna si ferma a 4’13″129. Meritato bronzo per la Germania, che dopo aver brillato nella qualifica pomeridiana si conferma ad alti livelli con 4’12″964, battendo nettamente il Canada.

Si sono corse anche le qualificazione dello Sprint Femminile, dove Miriam Vece, dopo l’ottima qualifica che le è valso il record italiano, è stata eliminata ai sedicesimi dalla tosta Krupeckaite. A giocarsi l’oro, domani, saranno le due campionesse della disciplina Lee Wai Sze e Anastasia Voinova, più la canadese Kelsey Mitchell e la tedesca Emma Hinze.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile