Un'immagine dell'ultimo Tour de France © ASO
Un'immagine dell'ultimo Tour de France © ASO

Il Tour de France si disputerà dal 29 agosto al 20 settembre, poi Mondiali, Giro e Vuelta

A seguito di una riunione in video conferenza tra i grandi organizzatori, i rappresentati di squadre e corridori e l’Unione Ciclistica Internazionale, i vertici Aigle hanno confermato ufficialmente le nuove date del Tour de France che si disputerà quindi dal 29 agosto al 20 settembre, ovviamente a patto che l’emergenza sanitaria sia superata in tempo, con lo stesso identico percorso già presentato in precedenza. I Campionati del Mondo su strada di Aigle-Martigny sono mantenuti con le date ed il programma originario, quindi dal 20 al 27 settembre e la cronometro individuale della categoria uomini élite che andrà così a sovrapporsi alla passerella conclusiva del Tour.

Tra le altre cose emerse dall’incontro virtuale di questa mattina, c’è l’estensione dello stop a tutte le corse per un mese ulteriore fino al 1° luglio, stop che sarà esteso fino al 1° agosto per quanto riguarda le corse del World Tour. In attesa di conferma sulle date precise, il Giro d’Italia si disputerà nel mese di ottobre subito dopo i Mondiali e la corsa rosa sarà quindi seguita dalla Vuelta a España che si disputerà nel mese di novembre. Le nuove date indicate per i Campionati Nazionali sono il 22 e 23 agosto: inoltre dall’UCI si fa sapere che i Campionati Europei saranno mantenuti e che Milano-Sanremo, Giro delle Fiandre, Parigi-Roubaix, Liegi-Bastogne-Liegi e Lombardia saranno tutte disputate in questa stagione e che si cercherà di riposizionare in calendario in maggior numero possibile di eventi del World Tour.

Durante il prossimo mese l’UCI lavorerà a stretto contatto con tutte le parti in causa per stilare i nuovi calendari internazionali, sia quello maschile che quello femminile, incluso quello del Women’s World Tour (lo stop fino al 1 luglio obbliga anche il Giro Rosa a rivedere i propri piani) con i vari recuperi, con l’obiettivo di pubblicare tutte le nuove date entro il 15 maggio.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile