Juan Ayuso esulta per una vittoria © UAE Team Emirates
Juan Ayuso esulta per una vittoria © UAE Team Emirates

Un altro talento per la UAE Team Emirates: il baby Ayuso firma un quinquennale

In un periodo simile, in cui di corse non c’è manco l’ombra, c’è da rilevare il sorprendente annuncio della UAE Team Emirates: la formazione emiratina ha infatti comunicato di aver messo sotto contratto per il futuro una delle principali speranze del ciclismo spagnolo, ovvero sia Juan Ayuso.

Il diciassettenne ha sottoscritto addirittura un accordo quinquennale: campione nazionale juniores, Ayuso in questo scorcio di 2020 ha centrato la bellezza di sei vittorie, mettendosi in mostra in diversi terreni. Nel suo percorso di crescita, Ayuso trascorrerà il primo anno contrattuale in una squadra di sviluppo, con l’obiettivo di accumulare esperienza e prepararsi gradualmente al passaggio al professionismo.

Queste le parole del team manager della UAE Team Emirates Joxean Matxín: «È cosa nota che amiamo lavorare con i giovani talentuosi, definizione che si adatta alla perfezione a Juan che possiede il giusto equilibrio tra talento fisico e la testa sulle spalle. Assieme ai suoi genitori abbiamo impostato un discorso sul medio-lungo termine, con l’idea di consentirgli di effettuare una transizione graduale verso il World Tour. Stiamo valutando quale possa essere la realtà migliore nella quale trascorrere il primo anno contrattuale, va ancora definito se possa essere una Continental o Professional. Juan ha fatto visita al nostro raduno invernale e in questa prima parte della stagione ha pedalato su una bici fornita da noi, gli siamo quindi già stati vicini ultimamente. L’anno scorso ha disputato una magnifica stagione e anche in questi primi mesi del 2020 si è ripetuto. La nostra idea è di dargli tempo e spazio per crescere come atleta e come persona. La priorità, al momento, è che viva in pieno la gioia di pedalare. Il progetto attorno a Juan è sviluppato su un periodo di cinque anni ed è parte di un più ampio disegno che stiamo costruendo nell’UAE Team Emirates».

Dal canto suo, il giovane Juan Ayuso commenta: «Ora posso definirmi come un corridore che va bene su tutti i tipi di terreno, ma penso che in futuro mi svilupperò come scalatore. Il mio primo contatto con il team è avvenuto a metà della scorsa stagione tramite Matxín, da lì ho avuto modo di conoscere sempre di più la squadra e di partecipare al ritiro invernale. Proprio lì ho potuto apprezzare come lavora la squadra: sono rimasto impressionato dall’organizzazione e dalla atmosfera che si respirava. La decisione di scegliere la UAE Team Emirates è stata dettata principalmente dal fatto che ho ravvisato nella squadra una mentalità di base simile alla mia: una visione ambiziosa basata su una forte etica del lavoro. Il team ha una storia relativamente nuova e sta migliorando a grandi passi anno dopo anno. Non ho dubbi sul fatto che questo team diventerà nel futuro prossimo la migliore squadra World Tour».

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile