Greg Van Avermaet guida il gruppo sul Muur © Photonews
Greg Van Avermaet guida il gruppo sul Muur © Photonews

Modifiche nei percorsi delle classiche fiamminghe: alla Ronde salta il passaggio sul Muur

Sono quattro le corse del portafoglio di Flanders Classics che si disputeranno ad ottobre, in quella che sarà un inedito periodo per le classiche delle pietre. L’organizzatore fiammingo, in accordo con le squadre, ha deciso di addolcire i tracciati tanto in tema di difficoltà quando di chilometraggio.

L’attenzione è soprattutto per la Ronde van Vlaanderen: l’appuntamento più atteso del calendario belga, programmato per domenica 18 ottobre, vedrà ridurre la distanza della prova maschile da 267 km a 241 km mentre la prova femminile passa da 159.3 km a 135 km. In entrambi i casi la modifica deriva non è di poco conto: è stato infatti deciso di togliere quanto previsto poco dopo il primo passaggio sull’Oude Kwaremont, ovvero sia l’accoppiata composta da Tenbosse e soprattutto dal Muur di Geraardsbergen. Al loro posto è stato inserito un passaggio sul Valkenberg, con il tracciato che torna quello abituale dalla seconda ascesa sull’Oude Kwaremont, mantenendo così gli ultimi 50 km intatti.

Anche nel caso della la Gent-Wevelgem di domenica 11 ottobre le modifiche riguardano il chilometraggio – la gara maschile passa da 256.8 km a 238 km e quella femminile da 145.4 km a 142 km – che il percorso. Confermata la partenza di Ypres, viene tolto dal circuito maschile lo sconfinamento in Francia, comportando così la mancata presenza di Catsberg, Zwarte Berg e Vert Mont. Per cercare di compensare, è stato deciso di aggiungere un ulteriore transito sul Kemmelberg, portando così a tre il numero di passaggi sullo strappo simbolo. La corsa femminile presenta modifiche di poco conto, con i muri che rimangono inalterati.

Per la Brabantse Pijl di mercoledì 7 ottobre viene ridotta la distanza, con la prova maschile che misurerà 184 km invece di 193.5 km mentre quella femminile rimane di 122 km, per un percorso inalterato. La modifica nel tracciato degli uomini consiste in un solo passaggio del circuito locale di Beersel, per un totale comunque più che significativo di 26 côte da scalare sino al traguardo di Overijse.

Minori le modifiche infine relative alla Scheldeprijs di mercoledì 14 ottobre: sono confermati lo sconfinamento nei Paesi Bassi, a cominciare dalla partenza di Terneuzen, e l’arrivo a Schoten con tre giri del circuito locale. Viene invece tagliato il tracciato nella fase centrale, non comportando cambiamenti significativi se non per la distanza che da 201 km scende a 183 km.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

L’angolo della polemica

Versione stampabile