La cartina della Tirreno-Adriatico 2020
La cartina della Tirreno-Adriatico 2020

Presentata la Tirreno-Adriatico 2020, diventano 8 le tappe

Quella 2020 è un’annata eccezionale per tutti, e anche la Tirreno-Adriatico non si sottrae. La nuova versione della Corsa dei due Mari è stata presentata oggi e ha una novità non da poco: eccezionalmente, la gara si disputerà su 8 giornate, da lunedì 7 a lunedì 14 settembre, e non sulle abituali 7.

Il direttore di corsa Stefano Allocchio commenta: «Grazie alle otto tappe abbiamo potuto rendere un po’ più dura la corsa e dare equilibrio tra le frazioni per i velocisti, per i finisseur e per gli scalatori oltre alla consueta cronometro conclusiva. Abbiamo trovato nelle amministrazioni locali, nonostante il cambio di data, la massima disponibilità che ci permetterà di organizzare una Tirreno-Adriatico di qualità. Avremo al via quasi tutti gli atleti che poi parteciperanno al Giro d’Italia di ottobre e siamo convinti che, come negli ultimi anni, sarà una Corsa dei Due Mari di altissimo livello».

Rispetto alla versione annunciata originariamente a dicembre, sono di fatto immutate la prima e la seconda tappa, adatte agli sprinter. La terza frazione è stata invece modificata, sia nella sede di arrivo (da Sacrofano a Saturnia) sia nella distanza (da 233 km a 217) che nel disegno, con l’inserimento in due occasioni del muro di Poggio Murella con pendenza massima del 20%; nella seconda occasione si scollina a 9 km dal termine, raggiunto al termine di un’ascesa al 6/7%.

La frazione inserita rispetto a dicembre è la quarta, con partenza a Terni e arrivo 194 km più tardi a Cascia. Si raggiunge la massima quota della Tirreno-Adriatico a quota 1521 metri al Rifugio Perugia, a 37 km dal termine, seconda salita di giornata dopo la Forca di Gualdo. Da Norcia nel finale si affronta lo strappo di Ospedaletto, con gpm a 11 km dall’arrivo, tutti di discesa tranne nell’ultimo paio di km dove la strada sale con pendenza media blanda.

È stata resa meno complessa la quinta tappa, con partenza spostata da Terni a Norcia e traguardo rimasto a Sassotetto, nell’unico arrivo in salita dell’edizione 55. Numerosi saliscendi caratterizzano la frazione prima di approcciare l’ascesa conclusiva, che misura 14.2 km con pendenza media del 5.8%. Invertito l’ordine della sesta e della settima tappa, con sabato appannaggio dei velocisti e domenica, invece, per gli specialisti delle classiche vallonate data la presenza di numerosi muri, compreso quello finale a Loreto. Immutata la frazione conclusiva, la classica cronometro individuale di San Benedetto del Tronto

Questo l’elenco delle tappe:
Lunedì 7 settembre, 1a tappa: Lido di Camaiore-Lido di Camaiore (133 km)
Martedì 8 settembre, 2a tappa: Camaiore-Follonica (201 km)
Mercoledì 9 settembre, 3a tappa: Follonica-Saturnia (217 km)
Giovedì 10 settembre, 4a tappa: Terni-Cascia (194 km)
Venerdì 11 settembre, 5a tappa: Norcia-Sassotetto (202 km)
Sabato 12 settembre, 6a tappa: Castelfidardo-Senigallia (175 km)
Domenica 13 settembre, 7a tappa: Pieve Torina-Loreto (181 km)
Lunedì 14 settembre, 8a tappa: San Benedetto del Tronto (cronometro individuale – 10.1 km)

Queste le altimetrie:

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile