Juraj Sagan sul podio con la maglia di campione nazionale © Tasr
Juraj Sagan sul podio con la maglia di campione nazionale © Tasr

Campionati nazionali: sorpresa Toupalik in Cechia, Juraj Sagan vince in Slovacchia. Gli altri risultati in giro per il mondo

Come di consueto le due nazioni una volta unite nella Cecoslovacchia disputano assieme i Campionati nazionali: oggi a Mlada Boleslav è stata la volta della prova in linea sulla distanza di 192 km. A fare la voce grossa sono stati gli atleti della Repubblica Ceca, che hanno occupato le prime undici piazze della classifica combinata: a diventare il nuovo campione di Boemia e Moravia è Adam Toupalik, crossista cresciuto quest’anno in modo prepotente su strada. Il ventiquattrenne della Elkov-Kasper ha battuto allo sprint due pezzi da novanta come Zdenek Stybar (Deceuninck-Quick Step) e Petr Vakoc (Alpecin-Fenix).

Per quanto riguarda la Slovacchia, conferma il titolo Juraj Sagan: il fratello maggiore del più noto Peter è giunto a 1’14” da Toupalik, abbastanza per essere incoronato campione nazionale. Il suo vantaggio sul compagno di squadra alla Bora Hansgrohe Erik Baska è stato di 2’14”, chiude il podio a 2’34” Lukas Kubis (Dukla Banská Bystrica).

Settebello per Matthias Brändle: il passista della Israel Start-Up Nation ha conquistato per la settima volta in carriera il titolo austriaco a cronometro. Nei 28.5 km di Lutzmannsburg il trentenne ha dovuto sudarsi la maglia, con Patrick Gamper (Bora-Hansgrohe) che è stato superato per soli 11″. Terzo a 27″ Felix Ritzinger (WSA KTM Graz).

Nella giornata di venerdì è stato assegnato in Lituania il titolo in linea: dopo un anno di digiuno Gediminas Bagdonas si riprende il tricolore. A Jonava l’ex della AG2R La Mondiale, tornato quest’anno in patria con il club dilettantistico Klaipeda Cyling Team, ha vinto con 28″ di margine sui compagni di squadra Venantas Lasinis e Justas Beniusis.

Prestazione degna di nota in Ungheria da parte di Barnabás Peák: ieri pomeriggio il giovane ungherese della Mitchelton-Scott ha fatto sua la crono di 38 km a Debrecen viaggiando a oltre 50 km/h di media, sopravanzando di 1’30” Attila Valter (CCC Team) e di 2’10” Dániel Szalay.

Doppio appuntamento in Finlandia: ieri a Pudasjärvi sulla distanza di 30.6 km è stata assegnato il titolo a crono vinto da Ukko Iisakki Peltonen. Il ventiduenne della Tartu 2024-Balticchaincycling.com ha preceduto di 1’15” Matti Hietajärvi (Oulu Triathlon) e di 1’23” il compagno di squadra Antti Jussi Juntunen.

Gare anche nei Balcani: ieri la prova a cronometro in Serbia ha incoronato Veljko Stojnic (Vini Zabù KTM) che ha fatto meglio del vincitore uscente Ognjen Ilic e di Dusan Veselinovic. In Albania, invece, secondo titolo a crono per Ylber Sefa (Tarteletto-Isorex).

Uno dei pochi paesi extraeuropei a disputare in questi giorni i Campionati nazionali è la Thailandia: la prova a cronometro di 16.4 km è stata monopolizzata dal Thailand Continental Cycling Team che ha occupato per intero il podio. Il successo è stato di Sarawut Sirironnachai, più rapido di 12″ rispetto a Thanakhan Chaiyasombat e di 16″ rispetto a Peerapol Chawchiangkwang.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile