Nacer Bouhanni conquista il GP d'Isbergues © LNC - Bruno Bade
Nacer Bouhanni conquista il GP d'Isbergues © LNC - Bruno Bade

Nacer Bouhanni trova il successo al GP d’Isbergues, quarto Luca Mozzato

Sorride il velocista francese Nacer Bouhanni nella 74esima edizione del GP d’Isbergues: il corridore della Arkéa-Samsic è stato nettamente il più rapido nello sprint finale ed è andato a prendersi il terzo successo stagionale, il secondo in carriera in questa corsa che aveva già fatto sua nel 2015. Vittoria con ampio margine sui rivali quella di Bouhanni che quest’estate dalla ripartenza delle gare aveva colto una serie di buoni piazzamenti senza però riuscire a trovare il guizzo per salire sul gradino più alto del podio.

La corsa è stata abbastanza tirata ed il plotone ha annullato a meno di tre chilometri dall’arrivo l’ultimo tentativo di fuga di Robin Carpenter (Rally Cycling) e Jérémy Lecroq (B&B Hotels-Vital Concept), ma proprio l’alta velocità nel finale ha fatto sì che restassero solo pochi corridori a giocarsi la vittoria in volata. Il lavoro della Arkéa-Samsic è stato assolutamente perfetto e per Nacer Bouhanni è stato un gioco da ragazzi concretizzare il tutto negli ultimi 200 metri: il margine di vantaggio del corridore della Arkéa è stato tale che ha potuto rialzarsi ed esultare già prima della linea.

Molto più serrata la lotta per le altre posizioni del podio: Romain Cardis (Total Direct Energie) ha chiuso secondo, Timothy Dupont (Circus-Wanty Gobert) terzo, il ventiduenne italiano Luca Mozzato (B&B Hotels-Vital Concept) quarto e Piet Allegaert (Cofidis) quinto. Completano la top ten Aksel Nömmela (Bingoal-Wallonie Bruxelles), Reinardt Janse van Rensburg (NTT Pro Cycling Team), Emiel Vermeulen (Natura4Ever-Roubaix Lille Métropole), Timo Kielich (Alpecin-Fenix) e André Carvalho (Hagens Berman-Axeon).

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile