Lea Sophie Friedrich, protagonista assoluta di questi Europei © UEC/Bettiniphoto
Lea Sophie Friedrich, protagonista assoluta di questi Europei © UEC/Bettiniphoto

Dominio tedesco agli Europei su Pista di Fiorenzuola: altri 3 ori nell’ultimo giorno

I Campionati Europei su Pista Under23 e Juniores di Fiorenzuola sono terminati con otto titoli assegnati nell’ultima giornata di gara. Purtroppo non è potuta scendere in pista l’Italia fermata da una positività al Covid19 all’interno della squadra ma la rassegna si è conclusa con un grande dominio della Germania che ha svettato nettamente nel medaglie complessivo portando a casa altre tre medaglie d’oro che si sono aggiunte alle 10 già conquistate nelle giornate precedenti.

La nazionale tedesca ha dominato nei Keirin Under23 sia in campo maschile che in quello femminile: tra gli uomini successo di Anton Hohne davanti Daan Kool e Mateusz Sztrauch, tra le donne invece s’è imposta la campionessa del mondo in carica dei 500 metri Lea Sophie Friedrich che ha avuto la meglio sulle polacche Nikola Sibiak e Nikola Seremak; per Friedrich clamoroso poker di ori avendo trionfato in tutte le discipline dei velocità. L’altro oro della Germania è arrivato nel Chilometro Under 23 con con Felix Gross vittorioso in 1’02″086 davanti al connazionale Anton Hohne, terzo il russo Ivan Smirnov. Nei 500 metri donne juniores sorride il Belgio con Marit Vanhove (42″307) davanti ad Alla Biletska e Taky Marie Divine Kouame.

La giornata è stata poi caratterizzata anche delle prove dell’Omnium per tutte e quattro le categorie. Tra gli Under23 doppio successo per la Russia, con Gleb Syritsa e Maria Novolodskaya: entrambi hanno brillato nella Corsa a Punti, ma se il primo ha trovato il successo in rimonta (partita quarto) su Alex Vogel e Fabio van den Bossche, la seconda ha letteralmente fatto il vuoto chiudendo con 39 punti di vantaggio su Wiktoria Pikulik e 58 su Olivija Baleisyte. Nella categoria uomini juniores ha vinto Loe van Belle (Paesi Bassi) su Tim Torn Teutenberg, tra le donne juniores invece l’oro è andato alla polacca Nikola Wielowska.

Archivio

La vignetta di Pellegrini

Versione stampabile